Tag Archive 'restrizioni'

Apr 22 2021

COME USCIRE DALLA DEPRESSIONE INDOTTA DALLE RESTRIZIONI

Quali sono i sintomi che segnalano la presenza della depressione che consegue alle misure restrittive. In che modo l’ipnosi di massa genera i vissuti depressivi. Cosa fare per superare lo scoraggiamento e il senso di impotenza.

No responses yet

Apr 01 2021

LOCKDOWN: la depressione imposta per legge

A distanza di un anno…

Ripropongo questo articolo del 4 maggio 2020 ma ancora tristemente attuale.

***

Il lockdown ha imposto a tutti l’isolamento.

Improvvisamente ci si è ritrovati a vivere ventiquattro ore su ventiquattro confinati nel proprio appartamento, senza altri contatti umani che quelli con i conviventi (persone o animali).

La socializzazione virtuale, fino a poco tempo prima demonizzata e tacciata di patologia (narcisistica ed evitante) è diventata l’unica forma di relazione permessa.

Le passeggiate, lo sport, la vita all’aria aperta e il rapporto con la natura sono stati proibiti.

Gli abbracci, i baci, le carezze e qualunque altro tipo di avvicinamento fisico (compreso quello medico) sono diventate pericolose fonti di contagio, potenziali portatori di una morte terribile.

Le uscite (permesse soltanto per comprovate esigenze di sopravvivenza e rigorosamente muniti di autocertificazione) si sono trasformate in esperienze ansiogene, spesso male interpretate dalle forze dell’ordine e punite con multe salatissime.

La perdita del lavoro, della privacy e della libertà individuale, ha assunto la forma di misura salvavita, auspicata e necessaria per il benessere della collettività.

La solitudine, l’isolamento e la mancanza di contatti umani sono assurte a misure di protezione e responsabilità sociale.

La depressione, definita dal DSM-5 una malattia grave e perciò da guarire, ha preso le sembianze della cura e dell’impegno etico nei confronti degli altri.

In seguito a tutto questo, attualmente tante persone mostrano i segni di un disturbo depressivo insidioso e terribile.

Ma, quando è imposta dalla legge, la depressione diventa inguaribile.

E come psicoterapeuta sento l’esigenza di fare una riflessione.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha valutato la depressione come una delle malattie più invalidanti al mondo e con un costo sociale elevatissimo.

Il disturbo depressivo, definito anche depressione maggiore, depressione endogena o depressione unipolare, è stato inserito nel 1980 all’interno del Manuale Statistico E Diagnostico dei Disturbi Mentali che oggi è alla sua quinta edizione (DSM-5).

Si tratta di un disturbo dell’umore caratterizzata da profonda tristezza, calo della spinta vitale, perdita di interesse verso le attività quotidiane, pensieri negativi e pessimistici.

Questa patologia coinvolge la sfera affettiva e cognitiva e i suoi aspetti tipici sono:

  • lo scoraggiamento,

  • la perdita di interesse verso le normali abitudini di vita,

  • l’ansia,

  • la disperazione per se stessi e per il futuro,

  • la sensazione di vuoto interiore,

  • la sfiducia e le aspettative negative nei confronti degli altri.

Secondo quanto scritto nel DSM-5: la riduzione delle attività quotidiane, la perdita di piacere nel fare qualsiasi cosa (anedonia), la perdita di interesse (apatia) e la sensazione di stanchezza cronica portano il soggetto a ridurre gradualmente tutte le occupazioni e i contatti sociali, determinando una chiusura al mondo e alla vita.

E proprio questa perdita progressiva e costante del piacere di vivere generà la disabilità, percepita (“non sono più in grado di fare le mie cose”) e reale.

A livello somatico sono presenti:

  • stanchezza cronica,

  • dolori diffusi,

  • problemi gastro-intestinali,

  • alterazione del ritmo sonno-veglia,

  • aumento o diminuzione del sonno notturno,

  • variazioni nelle abitudini alimentari (con aumento o diminuzione dell’appetito),

  • riduzione del desiderio sessuale o altre problematiche relative alla sfera sessuale.

Come spiega il DSM-5: il progressivo e graduale abbandono di tutti i contatti sociali ha per risultato un ulteriore peggioramento della depressione.

Leggendo il Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali salta agli occhi che le misure restrittive imposte per fronteggiare l’emergenza sanitaria hanno prescritto a tutti la sintomatologia della depressione:

  • nessun contatto sociale,

  • nessuno scambio affettivo e fisico,

  • nessuna attività al di fuori delle mura domestiche,

  • nessuna possibilità di muoversi all’aria aperta e di fare esercizio fisico,

  • nessuno stimolo nuovo,

  • nessuna possibilità di reagire all’apatia.

Basterebbero queste considerazioni per comprendere come mai nel giro di qualche mese la popolazione abbia presentato i sintomi della depressione e quanto sia diventato necessario intervenire al più presto per evitarne le conseguenze sulla salute.

L’abbassamento delle difese immunitarie, infatti, è un corollario inevitabile della sofferenza psichica.

Ma a questo quadro, già abbastanza sconfortante, occorre aggiungere la grave perdita dei legami affettivi in cui sono incorsi tutti quelli che, per una ragione o per l’altra, non convivevano al momento del lockdown.

Mi riferisco alla maggior parte delle relazioni amicali tra persone non consanguinee o che, avendo raggiunto l’età della autonomia, avevano potuto permettersi di vivere in una casa propria nonostante la consanguineità.

Le teorie sull’attaccamento dimostrano che la sopravvivenza e la salute (fisica e psichica) dipendono dalla possibilità di vivere un rapporto continuativo, profondo e gratificante.

L’etologia ci spiega che l’essere umano è un animale da branco e, se privato dei rapporti con i suoi simili, deperisce rapidamente e muore.

Gli studi dello psicoanalista austriaco Renè Spitz sui bambini ospedalizzati hanno evidenziato quanto lo scambio affettivo sia il fondamento della vitalità e della sopravvivenza.

I bimbi orfani da lui studiati, nonostante le cure mediche e le condizioni igieniche e sanitarie ottimali, deperivano e morivano in mancanza di un caregiver amorevole e stabile.

Un ambiente sterile ma privo di contatti umani, infatti, non basta a garantire la vita e la salute.

Le ricerche dello psicologo statunitense Harry Harlow comprovano che vivere una relazione appagante, rassicurante e protettiva rappresenta un bisogno talmente vitale da essere anche più importante del nutrimento fisico.

A fronte di queste ricerche non si possono sottovalutare le conseguenze psichiche e fisiche del lockdown.

Le misure restrittive a tutela della salute hanno imposto la sospensione dei contatti umani per un tempo sufficientemente lungo da indebolire il sistema immunitario e rafforzare i vissuti depressivi.

Occorrono ventuno giorni per cambiare un’abitudine e circa due mesi perché un nuovo atteggiamento prenda piede nella psiche.

Il medico americano Maxwell Maltz, lavorando con la chirurgia plastica e con l’immagine dell’io, ha messo in evidenza che sono necessarie almeno due settimane per trasformare la percezione di sé e adattarsi a una situazione diversa.

La dottoressa Phillippa Lally, ricercatrice di psicologia della salute presso l’University College di Londra, ha dimostrato come in due mesi una nuova condotta possa trasformarsi in abitudine.

La ripetizione costante dei comportamenti, infatti, genera nel tempo un’associazione mentale tra gli stati d’animo e le situazioni vissute stabilendo collegamenti inamovibili nella memoria, tanto che i cambiamenti assumono la caratteristica dell’automaticità.

Come ha spiegato la Lally, reiterare gli atteggiamenti fa sì che le azioni alternative diventino sempre meno accessibili e apre la strada a una trasformazione duratura.

Questi studi evidenziano che ripetere un comportamento per un periodo sufficientemente lungo genera un apprendimento automatico.

E una volta che l’abitudine prende piede nella psiche cambiarla non è un compito facile.

Alla luce di tutte queste ricerche si comprende quanto la depressione, ordinata e reiterata nel lockdown, abbia avuto ripercussioni gravi e non facilmente modificabili sull’equilibrio (psicologico e fisico) determinando un’impossibilità di difesa proprio perché la percezione della realtà e la sensazione di efficacia personale ne risultano compromesse.

Diventa quindi necessario e urgente prendere delle misure a tutela della salute e volte a risolvere le problematiche depressive indotte dalla legge, ripristinando al più presto le condizioni di vita indispensabili a un sano funzionamento della psiche e del corpo.

Per riconquistare il benessere è indispensabile trascorrere del tempo con le persone a cui siamo legati, sentirsi parte della natura, fare esercizio fisico e scambiare l’un l’altro le emozioni condividendo insieme i frutti del nostro essere al mondo: l’amore, la creatività, la sensibilità, e il rispetto per la vita.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più?

Vai alla playlist

No responses yet

Mar 31 2021

INTELLIGENZA EMOTIVA

Che cos’è l’intelligenza emotiva. In che modo questo tipo di intelligenza favorisce l’autostima, la realizzazione personale e lo sviluppo di relazioni efficaci e gratificanti. Perché l’analfabetizzazione emotiva è alla base di tante sofferenze psicologiche. Come usare l’intelligenza emotiva per superare le difficoltà imposte dalle restrizioni e favorire la salute e lo sviluppo di un mondo migliore.

No responses yet

Mar 23 2021

COMPLOTTISTI E COVIDIOTI: DA COSA NASCE IL CONFLITTO

Quando e come si forma la percezione dell’autorità. In che modo il rapporto con i genitori influisce sulla relazione con chi detiene il potere. Perché nell’infanzia il dialogo permette lo sviluppo di un pensiero dialettico e il dogmatismo porta alla rigidità e alla sottomissione.

No responses yet

Mar 20 2021

PANDEMIA E RESTRIZIONI: morire… per paura di morire!

La strategia della tensione è una strategia politica utilizzata in Italia negli anni Settanta e basata su una serie preordinata di atti terroristici volti a diffondere nella popolazione vissuti di terrore talmente grandi da giustificare nuove scelte di stampo autoritario.

Dagli anni Settanta la strategia della tensione sì è evoluta, il terrorismo degli attentati e delle bombe è diventato obsoleto e al suo posto sono arrivati i virus.

Oggi, per destabilizzare la popolazione si adopera la malattia strumentalizzando la paura della morte.

Negli anni Duemila:

  • La polizia non insegue più i criminali ma perseguita chi vuole gestire la propria salute in autonomia.

  • La politica non riguarda più la gestione della cosa pubblica ma le norme a tutela della sanità.

  • La dittatura non si occupa più delle modalità governative ma dell’imposizione dei trattamenti sanitari.

  • I dissidenti non sono più estremisti della destra o della sinistra ma chiunque voglia scegliere come vivere e come morire.

In questo quadro:

  • Ammalarsi è severamente vietato.

  • Gli ospedali sono le nuove carceri.

  • Gli arresti domiciliari si chiamano quarantena e vengono imposti in seguito alla presenza dei virus nell’organismo o alla frequentazione con chi ne è portatore. A prescindere dall’evidenza dei sintomi e dallo stato di malattia.

  • Chiunque sia cagionevole di salute rischia la deportazione in ospedale, dove sarà tenuto in isolamento, privato del conforto delle persone care e dei contatti con il resto del mondo.

Ognuno di noi è diventato un potenziale untore.

Il rischio di contagio è l’orrore che innesca la paura di morire (da soli, senza l’affetto degli amici e dei parenti) reclusi in ospedali dove il personale (bardato come se dovesse disinnescare una bomba) a malapena mostra gli occhi e (quando va bene) si trattiene il tempo strettamente necessario alla somministrazione delle cure.

La strategia della tensione si è perfezionata e usa i media per bombardare il nostro cervello con notizie allarmanti, diffondendo ogni giorno un bollettino medico fatto di numeri sempre in aumento (a prescindere da qualsiasi soluzione adottata per diminuire i contagi e senza mai specificare in quale modo si costruiscano le statistiche).

In questo scenario drammatico tante persone buone, accondiscendenti e sensibili vivono nel terrore di incontrare la morte ad ogni passo.

E per sfuggire l’angoscia sono disposte a rinunciare anche ai principi base della salute fisica e mentale.

Non ci sono più festività trascorse insieme, riunioni con gli amici, viaggi, palestre, teatro, cultura, attività sportive, scuola, giochi…

Tutto ciò che alimenta il benessere e la partecipazione affettiva è stato vietato o sostituito dallo schermo di un computer.

Lo spazio virtuale (un tempo demonizzato con l’accusa di provocare un pericoloso distacco dalla realtà) è diventato la via maestra alla socializzazione.

Certo, la condivisione virtuale annulla le distanze permettendoci di comunicare con chiunque senza bisogno di attraversare fisicamente il pianeta.

Ma non potrà MAI sostituire lo scambio affettivo tra le persone: quella relazione fatta di sguardi e gestualità capace di attivare i neuroni a specchio quando ci si trova fisicamente insieme.

Per sfuggire la paura di una morte dolorosa e in solitudine, molti scelgono di seguire pedissequamente norme in contrasto con i principi della costituzione, giustificando la violazione dei diritti umani in nome di una temporaneità reiterata ormai da oltre un anno.

E in tanti sono stati costretti a chiudere le proprie attività perdendo così la possibilità di sostenersi autonomamente.

Il numero dei suicidi cresce a dismisura, l’alcolismo si diffonde a macchia d’olio e la depressione prende piede, mentre siamo occupati a sfuggire il mostro di una malattia gonfiata ad arte per spingerci verso una gestione politica sempre più rigida e volta al profitto dei pochi che gestiscono il mondo.

Morire per non morire è il paradosso dei tempi.

Chiudersi in casa, fissare per ore lo schermo della televisione, mangiare per colmare il vuoto affettivo e trasformare il mondo virtuale nell’unica realtà possibile, è diventato uno stile di vita sano e auspicabile, nonostante l’allarme lanciato da psicologi, medici e avvocati, volto a segnalare i pericoli e l’incostituzionalità di queste scelte.

La paura di morire… spinge a morire.

Di solitudine, di dolore, di angoscia, d’inedia o di obesità.

In questo scenario drammatico fermarsi e riflettere sulla morte è indispensabile, doveroso e necessario.

Perché la morte non si può evitare, appartiene inscindibilmente alla vita.

E combattere per conquistare l’immortalità alimenta la pazzia nella psiche.

La salute prende forma innanzitutto nella coscienza di ciascuno.

E si dispiega in risposta alle domande:

Perché si vive? Perché si muore?

Dal significato profondo che sapremo attribuire a un’esistenza fatta inscindibilmente di vita e di morte potrà prendere forma un mondo libero dalla paura.

Un mondo forte della certezza che la vita si estende dalla nascita alla morte… fino a comprenderne il valore.

Quel significato profondo che permette di essere grati all’esperienza, qualunque essa sia, e sta alla base della salute mentale.

E fisica.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più?

Leggi il libro:

anche in formato ebook

One response so far

Mar 18 2021

IL CONTATTO COME DIRITTO UMANO

Perché il contatto umano è fondamentale per la sopravvivenza. In che modo la sua mancanza si ripercuote negativamente sulla salute. Perché gli scambi virtuali non lo possono sostituire. Quali sintomi segnalano la depressione indotta dal distanziamento sociale e dall’uso delle mascherine.

No responses yet

Mar 08 2021

CHI SONO I COVIDIOTI E COME TRATTARLI

.

ATTENZIONE

Questo articolo tratta delle tematiche che possono creare frustrazione e rabbia, per la natura dell’argomento. Nell’approcciarvi alla lettura vi prego di tener conto esclusivamente dell’orientamento psicologico e scientifico, abbandonando la vana tentazione di farne una questione politica. Nessuna autorità dello Stato viene messa in discussione, se non le metodologie nella gestione dei mezzi di informazione. Che, come segnalato dai più recenti protocolli di ricerca scientifica sul campo (uno fra tanti: https://comunicatopsi.org), durante la pandemia, sono state fonti di traumi e stress per la maggior parte dell’intera popolazione mondiale.

.

Vengono definiti con disprezzo covidioti quegli uomini e quelle donne che credono ciecamente al telegiornale e alla versione della pandemia proposta dai media di regime.

Personalmente non condivido questo termine, che trovo sprezzante e offensivo, e credo che la definizione giusta sia: spaventati o addormentati (contrapposto a risvegliati che invece indica quanti coltivano uno spirito critico nei confronti delle fonti ufficiali di informazione.)

Nel corso di questo scritto, quindi, userò le parole: spaventati o addormentati in sostituzione di covidioti.

.

Gli addormentati sono persone buone, sensibili, umili e pronte a sacrificarsi per vivere in pace.

Sono i bambini che ubbidiscono ai genitori anche quando questi ultimi li maltrattano.

Quelli che credono alla benevolenza dei grandi pur provando dolore, vergogna, angoscia o paura a causa loro.

Sono i tanti che non hanno sacrificato la propria innocenza sull’altare della verità e conservano vivo nel cuore il ricordo di una Totalità Infinita da cui (forse) tutti proveniamo.

(Nella dimensione psichica che precede la nascita non esiste una separazione tra l’io e il tu ma tutto esiste contemporaneamente, senza spazio, tempo o identità.)

Gli spaventati hanno imparato nell’infanzia a credere che gli adulti abbiano sempre ragione e agiscano mossi da un’intenzione protettiva, anche quando le loro azioni sono incomprensibili, dolorose o crudeli.

Ai loro occhi innocenti, infatti, la sofferenza, la vergogna, l’angoscia e la paura appaiono un prezzo necessario per crescere e acquisire, un giorno, quella stessa supremazia.

Per gli addormentati la fiducia nell’autorità procede di pari passo con il bisogno di protezione.

E allevia la sensazione di inadeguatezza che accompagna l’inesperienza e la consapevolezza della propria fragilità.

Nel corso delle relazioni familiari, gli spaventati hanno imparato presto che contestare gli adulti mette in pericolo la vita stessa.

I grandi, infatti, sono forti fisicamente e determinati a raggiungere i propri fini educativi, con le buone o con le cattive.

Fino al punto di uccidere chi non si sottomette di buon grado alle loro regole.

Nei primi anni di vita gli spaventati si sono trovati davanti a un paradosso educativo che recita più o meno così:

“Ciò che faccio è per il tuo bene. Anche ucciderti, se necessario.”

E, non avendo le risorse per evitarlo, contestarlo o risolverlo, hanno dovuto accettarlo.

Acriticamente.

Questa fiducia dogmatica (e perciò indiscutibile) appartiene ad uno stile di pensiero tipico della fanciullezza e si imprime nella psiche quando il cervello non ha ancora formato appieno la memoria, riflettendosi inconsapevolmente nelle successive scelte di vita.

Per questo motivo è difficile ricordare le circostanze in cui si è formata e, di conseguenza, riconoscerla e cambiarla.

La paura della morte, che deriva dal paradosso educativo, è il nemico più grande degli spaventati, il mostro da combattere con tutte le forze.

E, pur di sfuggire a quell’angoscia antica, sono disposti ad accettare qualsiasi imposizione provenga da un’autorità riconosciuta come più forte.

Ogni autorità, infatti, incarna le sembianze di quella genitorialità onnipotente vissuta nell’infanzia, ciecamente benevola e pronta ad uccidere i figli quando non si comportano bene.

Nei vissuti infantili inconsci, questa visione del potere trasforma la morte in una punizione giusta, scatenando le peggiori paure e di conseguenza promuovendo le peggiori azioni.

(In questo modo, infatti, si perde di vista il valore naturale e trasformativo del fine vita e il suo significato di passaggio verso ulteriori dimensioni della coscienza.)

Combattere i fratelli, tradire gli amici, compiere gesti di cui non ci si domanda il senso, agire rituali scaramantici e obbedire ciecamente ai dettami del più forte… sono tutti modi per evadere le paure infantili attivate dalla paura di morire.

E pur di sfuggire alla paura gli addormentati sono pronti anche… a morire.

In loro il paradosso educativo:

“Per il tuo bene posso anche ucciderti.”

Si trasforma in un altro paradosso, altrettanto pericoloso e terribile:

“Per non morire, sono pronto a morire.”

Paradosso che sostiene l’atteggiamento acritico verso l’autorità costituita.

Vedere i limiti e le incongruenze di chi detiene il potere, infatti, significherebbe rinunciare all’innocenza e alla fiducia in una Totalità onnipotente e divina (incarnata prima dai genitori e in seguito dallo Stato, dal datore di lavoro, dal superiore in grado, dalla religione, eccetera) per rassegnarsi ai limiti di questa nostra realtà duale, complicata e spesso incongruente.

È vero che da quella rassegnazione prende forma la ricerca della propria verità, ma per gli spaventati accollarsi la responsabilità della propria vita mettendo in discussione le parole dei grandi genera angosce assai peggiori della morte stessa.

.

Come comportarsi, quindi, quando ci si trova davanti a un individuo spaventato e pronto a tutto pur di non contestare la legge, anche davanti a scelte ingiuste e drammatiche?

.

La prima cosa da fare è rendersi conto che si tratta di una creatura in difficoltà, vittima di una percezione influenzata dalla visione infantile dell’autorità.

Alla luce di questa valutazione diventa possibile costruire una comunicazione rispettosa delle paure che inconsciamente ne muovono le scelte.

Naturalmente non si potrà sostenere una argomentazione critica nei confronti del potere costituito, perché proprio la critica è stata compromessa.

(E questo per chi è risvegliato è sicuramente lo scoglio più difficile da superare.)

Tuttavia, solo dalla comprensione delle difficoltà psicologiche di chi abbiamo davanti può nascere una forma di interazione costruttiva (anche se limitata), altrimenti impossibile.

La seconda cosa da fare, quando ci si trova davanti a uno spaventato, è cercare di abbassare il livello di angoscia e di stress scatenato dalle informazioni terroristiche diffuse dai media di regime.

In ultimo, ma non meno importante, occorre tenere conto della loro pericolosità ed evitare lo scontro mantenendo alta la guardia, perché le persone in preda al panico possono diventare estremamente aggressive e imprevedibili.

L’unica soluzione definitiva e auspicabile rimane quella dell’aiuto psicologico volto a risolvere i traumi infantili.

Tuttavia per arrivarci è necessario svolgere prima un lavoro di ascolto che ne conquisti la fiducia, non sempre realizzabile quando il bombardamento mediatico imperversa.

Credo che in passato l’uso di misure educative autoritarie e coercitive abbia determinato l’attuale situazione di paura collettiva e lo sviluppo di una grande massa di spaventati.

E sono convinta che l’unica vera rivoluzione sia una progressiva desensibilizzazione dei vissuti traumatici infantili e una nuova visione della morte, non più punitiva e persecutoria ma naturale e inevitabile, in quanto parte della vita stessa.

Solo quando la morte sarà accolta nel suo significato trasformativo e multidimensionale, diventerà possibile aprirsi alla molteplicità della coscienza e comprendere come l’esistenza sia l’espressione di una profonda esperienza interiore.

Un’esperienza in cui non ci sono più buoni e cattivi, spaventati e risvegliati, ma un’unica umanità fatta di tante persone diverse, libere dal dominio di qualsiasi autorità che non sia quella della propria coscienza.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più?

Vai alla playlist

No responses yet

Gen 26 2021

RESTRIZIONI, AFFETTI E DEPRESSIONE

In che modo le restrizioni inducono uno stato depressivo nella psiche, distruggendo la sicurezza interiore e la salute che deriva dai legami affettivi e aprendo le porte alle malattie psicologiche e fisiche.

No responses yet

Nov 04 2020

POTENZIARE IL SISTEMA IMMUNITARIO

In che modo possiamo potenziare il nostro sistema immunitario. Perché passare del tempo in mezzo alla natura riduce il rischio di ammalarsi. Come si può superare la sensazione di inutilità che precede la depressione e ripristinare il valore e il senso della nostra vita insieme alla salute.

No responses yet

Set 20 2020

I DANNI PSICOLOGICI DELLE MASCHERINE NEI BAMBINI

Quali sono i danni psicologici che conseguono all’uso delle mascherine e del distanziamento sociale nelle scuole e perché è necessario e urgente tutelare i nostri figli.

No responses yet

Next »