Lug 24 2020

QUANDO FINISCE UNA PSICOTERAPIA

Published by at 05:36 under Psicologia,Psicoterapia

La psicoterapia è un percorso di crescita personale e in quanto tale non può avere un termine.

L’evoluzione interiore è potenzialmente infinita e non basta una vita intera per saturarla.

Questo non significa che una volta intrapresa una psicoterapia non ci sia più modo di uscirne.

È fondamentale comprendere che:

  • La psicoterapia non è la cura di una malattia ma uno strumento di conoscenza di se stessi (e come tale va usato).

  • Il paziente decide quando è il momento di chiedere aiuto e quando è necessario sperimentare la propria autonomia.

  • Il terapeuta lo accompagna lungo il percorso aiutandolo a far emergere le risorse sane e a sciogliere i nodi che intrappolano l’espressione dell’unicità individuale.

  • Insieme, terapeuta e paziente, definiscono i temi su cui è opportuno lavorare per liberare le risorse intrappolate.

  • E insieme stabiliscono quando è necessario dare spazio all’indipendenza.

  • La psicoterapia è un mezzo a disposizione del paziente. Non una dipendenza.

  • Lo psicoterapeuta non è un guru ma una persona capace di mostrare  i blocchi che ostacolano la crescita in modo che sia possibile superarli con facilità. Questo favorisce lo sviluppo della autonomia.

.

Ma allora quando finisce una psicoterapia?

.

La psicoterapia finisce quando il paziente ha costruito dentro di sé le risorse necessarie a superare il problema per cui ha chiesto aiuto.

Questo cambiamento modifica l’alternarsi degli incontri:

  • Nelle prime fasi della psicoterapia è il terapeuta a stabilire la scansione degli appuntamenti.

  • In seguito l’intervallo fra una seduta e l’altra si dilata sempre di più, in modo da permettere a chi ha chiesto aiuto di fronteggiare autonomamente le difficoltà.

  • Infine (quando vengono meno le ragioni che ci hanno spinto a intraprendere il percorso) non è più necessario che sia il terapeuta a modulare il ritmo degli incontri.

  • Al termine di una psicoterapia è il paziente a decidere quando utilizzare i colloqui, stabilendo autonomamente l’opportunità di prendere un nuovo appuntamento.

La crescita personale continua sempre e in alcuni momenti confrontarsi con uno specialista della psiche è un supporto imprescindibile e prezioso anche per chi di mestiere fa lo psicoterapeuta.

Ma è importantissimo valutare la necessità di autonomia di chi chiede la consulenza e accogliere la delega (implicita nella richiesta di aiuto) soltanto per un tempo breve, restituendo al paziente la gestione dello strumento psicoterapico.

Una psicoterapia non finisce mai, ciò che ha termine sono le difficoltà che ci hanno spinto a chiedere aiuto.

Nel corso dei colloqui i problemi iniziali devono cedere il posto alle risorse della psiche ancora inesplorate, trasformando quelle difficoltà in resilienza.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro:

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

anche in formato ebook

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task