Mag 03 2017

CURARE IL SINTOMO CON IL DADO DA BRODO: la mia esperienza con il Body Mind

Published by at 10:12 under Psicologia,Psicoterapia

“Da circa un anno sopporto un dolore che dalla spalla s’irradia nel braccio destro, impedendomi di portarlo indietro e sollevarlo (come si fa per manovrare in retromarcia o per cingere le spalle di qualcuno un po’ più alto).

Inizialmente non gli ho dato troppa importanza ma poi, vedendo che spontaneamente non migliorava (nonostante gli esercizi quotidiani in palestra), mi sono decisa a chiedere aiuto all’ortopedico… poi al fisioterapista… poi all’osteopata… tutto inutile.

Ho anche fatto un’ecografia.

Non risulta nulla.

Dopo ogni trattamento il dolore sembra risolversi per un pochino ma, in breve tempo, il braccio riprende a farmi male come sempre.”

Franca Errani (la direttrice della scuola InnerTeam) mi ascolta con attenzione, mentre snocciolo il rosario dei miei tentativi inutili.

Mi osserva e intanto il suo sguardo crea un clima di riservatezza, facendomi sentire in presenza di una mamma comprensiva e partecipe, di un’amica complice, di una specialista esperta in problematiche fisiche e interiori, di una donna saggia e profonda, di una maestra di vita e di una bambina curiosa e divertita.

I suoi aprono la strada ai miei e, mentre con la sua energia interiore mi permette di fidarmi, mi spiega il lavoro che faremo insieme.

“In un sintomo ci sono sempre tre parti in gioco:

  • Il Dolore (il Sè Rinnegato),

  • Chi Subisce il dolore (la Parte Vulnerabile)

  • e Chi Si Oppone alla realtà energetica del Sé Rinnegato (i Sé Primari)

Oggi cercheremo di dare voce a tutti, cominciando con Il Dolore.”

I suoi occhi osservano con dolcezza qualcosa che, dentro di me, ha preso ad agitarsi.

“E poi daremo spazio ai tuoi Sé Primari, in modo che possano avere l’ultima parola ed esprimere le loro ragioni.”

Continua imperturbabile, mentre il suo tono carico di rispetto calma il mio subbuglio interiore.

Mi lascio andare alle sue istruzioni e chiudo gli occhi.

“Quello che ti chiedo di fare è di alzarti in piedi, anche tenendo gli occhi chiusi, e di lasciare esprimere il dolore.

Non: Chi Lo Subisce.

Ma: Il Dolore.

La sofferenza che senti nel braccio è la conseguenza del conflitto tra Chi Si Oppone (i tuoi Sé Primari) e Chi Cerca Di Esprimersi (il tuo Sè Rinnegato).

Adesso immagina che Il Dolore sia un dado da brodo che si scioglie nell’acqua e permetti alla sua essenza di impregnarti completamente. Poi… dagli voce.”

Continuando a tenere gli occhi chiusi, seguo quelle indicazioni e comincio a muovermi fino a sentire il dolore.

Qualcosa prende forma dentro di me e il mio braccio destro improvvisamente acquista energia, fendendo l’aria come a voler affermare se stesso.

Franca m’incoraggia a continuare.

“Lascia che emerga un gesto. Fallo parlare. Permettigli di esprimersi…”

E quella presenza insospettata, forte del suo appoggio, esce allo scoperto.

Il mio corpo è posseduto da una forza che non conoscevo e che adesso grida tutta la sua rabbia.

Urla senza ritegno e senza vergogna davanti al gruppo del Body Mind Dialogue (il B.M.D. è il percorso formativo, ideato da Franca Errani, a sostegno e approfondimento del Voice Dialogue).

I miei compagni di corso si fanno invisibili e mi sostengono con la loro energia.

“Stai dando voce a ciascuno di noi, non fermarti, vai fino in fondo…”

La loro presenza rassicurante mi permette di lasciarmi andare.

“Fai uscire la voce, non bloccarla…”

Franca incentiva il mio Sé Rinnegato ad emergere dalle segrete dell’inconscio, e quello, forte della nuova comprensione, non si lascia di certo sfuggire l’occasione per fare breccia nella mia consapevolezza, occupando completamente la scena psichica.

“Basta! Basta! Basta! Non ne posso più!”

Strepita esasperato, con quanto fiato ho in corpo.

Con profonda delicatezza, Franca accoglie la sofferenza che lo anima e, mentre in un angolo di me i Sé Primari inorriditi scrollano la testa, quell’animale ululante di rabbia e di dolore si mostra in tutta la sua esasperata disperazione.

“Basta!!! Non ne posso più! C’è sempre qualcuno di cui bisogna prendersi cura, qualcuno che sta male e da accudire, qualcuno che non ce la fa a camminare con le sue gambe! Basta!”

Strilla, urla, si agita e picchia l’aria con il mio braccio destro, affermando con decisione il proprio malcontento.

“Di cosa avresti bisogno? Cosa ti piacerebbe fare?”

Davanti a quella domanda, l’energia si calma di colpo.

Vorrei andare al mare, crogiolarmi al sole, leggere, fare una passeggiata o starmene sul divano…”

Desideri semplici, piccole cose che fanno bene all’anima.

Improvvisamente mi sento a casa.

Tutto è morbido, facile, spontaneo, naturale.

Vivo, profondo e vero.

Non so quanto tempo è durato lo sfogo di quella parte sconosciuta.

Torno a sedermi sulla sedia di fronte a Franca, colpita nel riconoscere una presenza che a volte bisbiglia dentro di me e che, di solito, non ascolto, troppo impegnata a correre appresso alle cose da fare per potermi fermare e accontentarla.

Ma quel benessere dura solo un istante, e subito una sommossa di riacquista il comando della mia personalità, pronto a rivendicare il proprio spazio di attenzione.

Franca si rivolge al gruppo dei Primari che sta già protestando vivacemente davanti alle insistenze del nuovo arrivato.

Il Sé Professionale prende la parola e brontola arrabbiato per conto di tutta squadra (un pool composto dall’Attivista, dal Perfezionista, dalla Mente Razionale, dal Competente Psicologico e dal Critico).

“Non crederai mica a tutte quelle sciocchezze!?! Qui, se non si lavora con ritmo e con impegno, lo stipendio a fine mese non arriva di sicuro! Un’attività autonoma ha bisogno di dedizione e cura. Ci vogliono: pazienza, competenza, passione e spirito di sacrificio. Ci abbiamo messo tanto per fare di Carla una professionista preparata e affidabile e non permetteremo a nessuno di buttare al vento le nostre fatiche per starsene al mare a battere la fiacca.”

Piena di ammirazione per le loro capacità imprenditoriali e professionali, Franca s’informa sui ritmi del lavoro e sulle attività che quello staff instancabile svolge quotidianamente.

Sentendosi riconosciuto e apprezzato, il Sé Professionale sfodera tutto il suo orgoglio nel mostrarle compiaciuto un’intensa attività lavorativa, fatta di colloqui con le persone ma anche di aggiornamento, di libri da pubblicare, di articoli per il blog e di formazione costante nei weekend.

“Perché fate tutto questo?”

Domanda Franca con partecipazione.

“Perché dobbiamo proteggere la bambina.”

Risponde serio il Sé Professionale indicando la Bambina Interiore (quella piccina lunatica e musona di cui ho parlato tante volte durante il mio percorso col Voice Dialogue).

La piccola se ne sta seduta per terra accanto alla sedia, assorta come sempre nei suoi pensieri.

“Quella bambina è molto sola. Se non ci fossimo stati noi a sostenerla e aiutarla, non ce l’avrebbe mai fatta.”

Commenta preoccupato il portavoce dei Sé Primari.

“Perché?”

“Be’… con una mamma depressa e un papà dongiovanni… nessuno aveva tempo di occuparsi di lei e di pensare al suo futuro. È grazie a noi che ha imparato a cavarsela da sola.”

Torno a sedermi sulla sedia di fronte a Franca.

Osservo la Bambina Solitaria accoccolata ai miei piedi e rifletto, colpita dalla vastità della mia professione.

Una professione che amo e svolgo con grande passione, ma che impegna ogni minuto del mio tempo.

Mi sento una banderuola in balia dei venti della psiche.

Pochi minuti fa, ero pronta a mollare tutto per deliziarmi sotto il sole tiepido della Sardegna e fare spazio a un che desidera ardentemente il mio piacere e il mio riposo, e adesso potrei mettermi a scrivere sette libri contemporaneamente, senza mangiare, senza bere e senza dormire.

“Il punto non è chi ha ragione o chi ha torto.”

Franca conosce bene quell’ottovolante interiore che mi sta facendo venire il mal di mare, e la danza dei sé che agita il mio mondo interno.

“Ogni Sé guarda la vita dalla sua prospettiva e, da quel punto di vista, ha perfettamente ragione. È come essere su una scacchiera: ognuno ha il suo movimento e la sua visione.

Ciò che conta è mantenersi al centro, allargando lo spazio creativo dell’Io Cosciente e imparando a usare le risorse di ciascuno.

Maggiore è la possibilità di osservare la totalità dei Sé e maggiore diventa la capacità di armonizzarne le energie, di utilizzarne le risorse e di rispettarne i bisogni.”

Poi domanda:

“Quali doni ti porta il tuo Sé Professionale e quali il tuo Sé Rinnegato?”

Elenco le qualità di entrambi e intanto sento che la Bambina Interiore si arrampica sulle mie ginocchia.

Qualcosa dentro di me sta trovando una nuova armonia.

E improvvisamente capisco che, quando guardo il mondo da quello spazio di consapevolezza, posso prendermi cura di lei nel migliore dei modi, facendola sentire protetta e al sicuro grazie alla professione appassionante che ho scelto di svolgere, e permettendole di giocare al sole senza altro impegno che pensare a se stessa.

A me stessa.

Carla Sale Musio

leggi anche:

ANCORA IO… E ANCORA IL VOICE DIALOGUE

Vuoi saperne di più?

www.innerteam.it

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task