Ago 06 2015

GLI EFFETTI DEI CIBI SULLA PSICHE

Published by at 04:59 under Psicologia,Psicoterapia

Da bambini ci abituiamo a mangiare certi alimenti e a rifiutarne altri, in armonia con le usanze della nostra famiglia e con le tradizioni del paese in cui siamo nati.

I grandi ci insegnano ad apprezzare il sapore, l’odore e la consistenza dei cibi e ci spiegano che sono necessari per crescere sani e forti.

La cultura gastronomica che abbiamo ricevuto tra le mura domestiche determina in noi una “competenza alimentare” che, con la maturità, difficilmente verrà messa in discussione.

A parte alcuni casi particolari (una malattia, un percorso spirituale, una nuova consapevolezza ecologica, il trasferimento in un paese straniero…) i piatti che abbiamo assaporato da piccoli diventano per noi l’emblema della “nutrizione corretta” e, crescendo, non andremo a verificare se i presupposti alimentari su cui si basano siano salutari oppure no.

Come per tante altre acquisizioni, ciò che abbiamo imparato entra a far parte delle abitudini e non viene più messo in discussione.

È per questo che, nonostante la mole di ricerche volte a dimostrare quanto la maggior parte di ciò che mangiamo sia dannoso per la salute e provochi l’insorgere di gravi malattie, preferiamo focalizzare l’attenzione sulle immagini colorate stampate sopra agli involucri degli alimenti piuttosto che valutarne i componenti e i metodi di lavorazione.

Convinti di aver ricevuto in famiglia un’adeguata preparazione alimentare, continuiamo a ignorare i principi fondamentali della nutrizione sana e ci scordiamo che la manipolazione  industriale priva i cibi delle loro proprietà vitali, riempiendoli di sostanze tossiche.

Durante le preparazioni e i procedimenti di conservazione, infatti, la maggior parte delle qualità nutritive va perduta e il sostentamento che otteniamo dalle pietanze è, sempre più spesso, solamente psicologico.

Mangiare soddisfa il bisogno di gratificarci e ha ben poco a che vedere con l’assimilazione dei nutrienti necessari a mantenerci in buona salute.

Abbiamo trasformato l’alimentazione in una pausa ricreativa e su questo presupposto ludico coltiviamo una gastronomia che con la nutrizione non ha quasi più niente a che fare.

Nei nostri pasti ciò che conta, infatti, non sono le sostanze nutritive ma il piacere che riusciamo a procurarci mettendo qualcosa di buono sotto ai denti.

Un piacere legato principalmente al gusto e al bisogno di staccare la spina dai ritmi frenetici della giornata.

Via libera quindi a tutti quegli alimenti che permettono di affievolire la tensione creando un delizioso intorpidimento nel corpo e nella mente, e che aiutano a dimenticare le preoccupazioni quotidiane, spegnendo i pensieri almeno per un po’.

Alimenti che, per ottenere il loro magico effetto antistress, devono impegnare a lungo il sistema digestivo e che, per mantenere inalterata la loro efficacia, generano il bisogno di aumentare progressivamente le dosi fino a renderci assuefatti e dipendenti.

È risaputo che uno stile alimentare basato sul consumo di frutta e verdura fresca è più salutare dei tanti appetitosi manicaretti con cui soddisfiamo la nostra insaziabile voracità.

Scegliere di consumare solo alimenti idonei alla salute, però, è una decisione adatta a pochi coraggiosi, capaci di combattere le inevitabili crisi di astinenza (conseguenti all’abbandono del cibo spazzatura) con una forte motivazione.

La maggior parte delle persone preferisce nutrire la convinzione:

  • che la carne sia indispensabile per le proteine

  • che i latticini servano a sintetizzare il calcio nelle ossa

  • che le uova siano l’unica fonte di vitamina D

  • che lo zucchero faccia bene al cervello

  • e che le farine raffinate forniscano carboidrati capaci di trasformarsi in energia lungo tutto l’arco della giornata

Convinzioni contestate dalle ricerche e dall’esperienza medica (intolleranze, allergie, diabete, cancro… sono solo alcuni esempi) ma radicate nella mente di chi a certi cibi non riesce a rinunciare perché la dipendenza ha preso il sopravvento sull’obiettività.

É per questo che ci sentiamo bene cucinando e condividendo proprio quelle pietanze che promettono di tenere impegnata a lungo la digestione, assicurando quel meraviglioso ottundimento che allevia la pressione emotiva.

Cibi come antidepressivi, quindi.

Economici e facilmente reperibili.

Cibi che non placano i bisogni del corpo e che mantengono viva la fame, garantendo una vendita illimitata di prodotti.

Cibi che spengono i pensieri e la coscienza, lasciandoci credere in una libertà di scelta basata sulla disponibilità degli articoli, invece che sulla qualità.

Cibi che annegano il bisogno di riposo e l’attenzione dentro un fiume di incoscienza e di tossicità.

Tutto quello che mangiamo per abitudine e Perché si è sempre fatto così!” ha un effetto potente sulla psiche: inibisce l’ascolto del corpo e la capacità di riconoscerne la naturale semplicità, fatta di movimento, di aria buona, di frutti freschi coltivati con amore, di rispetto per la vita e per il pianeta.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro: 

DROGHE LEGALI

verso una nuova consapevolezza alimentare

anche in formato ebook

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task