Ott 27 2013

IL TUO CORPO LA SA LUNGA…

Published by at 09:47 under Psicologia,Psicoterapia

Il corpo manifesta il carisma personale e rivela il carattere delle persone.

Il nostro modo di muoverci e di gesticolare, il timbro della voce, i silenzi, gli sguardi… comunicano ciò che siamo in modo spesso più efficace di tante parole.

Ognuno di noi possiede un’intelligenza corporea capace di creare un ponte tra la vita interiore e il mondo che ci circonda.

Allenando questa intelligenza, imparando cioè a utilizzare la gestualità e la postura, possiamo agire sulla psiche e acquisire espressività e sicurezza.

Howard Gardner, professore di pedagogia e psicologia all’Università di Harvard, famoso per la sua teoria delle intelligenze multiple, ha evidenziato l’esistenza di un’intelligenza fisica, articolata e indispensabile quanto l’intelligenza verbale.

Secondo Gardner esistono sette intelligenze diverse, indipendenti e interagenti tra loro, che corrispondono a sette modi d’interpretare e comprendere gli eventi.

  • Intelligenza linguistica, usata nel leggere libri, scrivere testi, comprendere parole parlate.


  • Intelligenza logico-matematica, usata nella soluzione di problemi matematici e nel ragionamento logico.


  • Intelligenza spaziale, usata nello spostarsi da un posto all’altro, nel leggere le cartine, nel disporre le valige nel portabagagli di una macchina in modo che occupino meno spazio possibile.

  • Intelligenza musicale, usata nel cantare una canzone, nel comporre una sonata, nel suonare la tromba o semplicemente nell’apprezzare la struttura di un pezzo musicale.

  • Intelligenza corporeo-cinestesica, usata nel muoversi, nel ballare, nel giocare a pallacanestro, nel correre i 100 metri o nel lancio del giavellotto.


  • Intelligenza interpersonale, usata nel relazionarsi ad altre persone, nel comprenderne il  comportamento, le motivazioni o le emozioni.


  • Intelligenza intrapersonale, usata nel capire se stessi, chi siamo, che cosa ci fa essere come siamo e come cambiamo nel tempo.

Il prof. Gardner ci insegna che possiamo contare su di un’equivalenza perfetta tra l’intelligenza corporeo-cinestetica e le altre tipologie di intelligenza e che (nonostante la nostra attenzione sia focalizzata soprattutto sull’intelligenza linguistica e logico-matematica) utilizziamo costantemente l’intelligenza corporea (anche se non sempre ne siamo consapevoli).

Nella tradizione culturale occidentale, però, si è creata una frattura fra il ragionamento logico e la corporeità.

E questo divorzio tra “mentale” e “fisico” è associato alla convinzione che quanto facciamo con il corpo sia meno importante e significativo dell’uso della logica o di qualche altro sistema simbolico relativamente astratto.

Ingiustamente, consideriamo il corpo alla stregua di un animale, privo d’intelligenza e sottomesso all’istinto.

Il corpo, però, possiede un sapere proprio, che si esprime nel modo peculiare di muoversi e agire nello spazio, e influenza il pensiero, anche quando apparentemente è il linguaggio verbale a farla da padrone e a imporre i suoi dettami.

Il  nostro stile di vita ci spinge a ignorare, sottomettere e imprigionare la fisicità, proprio come succede con tanti animali.

Immersi nella nostra presuntuosa arroganza, non ci fermiamo a considerare che gli animali possiedono un’intelligenza (diversa da quella degli uomini ma altrettanto importante) e sono portatori di una cultura che  la specie umana, nella sua infinita superbia, si permette di ignorare e di calpestare senza scrupoli.

Ci piace sentirci migliori, superiori e indifferenti davanti alle “pulsioni dell’istintualità”.

“Siamo esseri evoluti” ripetiamo con sussiego e arroganza, dimentichi di essere anche l’unica specie ad inquinare e distruggere il pianeta senza alcun rispetto, abusando la natura e violando le sue leggi.

 

IL CORPO IN TERAPIA

 

Per fortuna il corpo, nonostante la prigione culturale in cui lo abbiamo rinchiuso, mantiene viva la sua intelligenza e possiede altrettante conoscenze e capacità del nostro presuntuoso e civilizzato intelletto.

Il corpo racchiude i segreti dell’anima e conserva la memoria delle gioie e dei dolori che abbiamo vissuto.

I movimenti e la gestualità raccontano la nostra storia, nel linguaggio universale delle emozioni e dell’energia.

In terapia, lavorare con il corpo significa toccare le ferite dell’anima per poterle finalmente, disinfettare, medicare e guarire.

Agire la propria corporeità vuol dire, perciò, incontrare e mostrare la profondità di sé stessi, liberarne le potenzialità, stimolarne le risorse, rivelarne la poliedricità.

Il corpo è l’espressione dello spirito e ci permette di conoscere la grandezza dell’anima, oltre il limite delle parole.

La percezione del calore, dei colori, del peso degli oggetti, la tensione muscolare prodotta da alcuni gesti, certe espressioni del viso… influenzano i nostri pensieri e i nostri stati d’animo e, mettendo in atto intenzionalmente movimenti e azioni, possiamo aumentare le capacità mentali, acquistare determinazione e sicurezza, favorire la memorizzazione e l’apprendimento, potenziare la creatività, gestire meglio le emozioni, sentirci più sicuri.

Permettendoci di utilizzare le risorse del corpo, aumentiamo la fiducia in noi stessi, la forza di volontà, la concentrazione, la calma, la lucidità.

In terapia, occuparsi del corpo, rispettandone l’intelligenza, ascoltandone i segnali e i messaggi, incentivando il movimento, la gestualità e l’azione, consente di ottenere risultati straordinari.

Per questo è così importante affiancare alla conoscenza verbale un percorso fisico ed emotivo capace di accogliere l’espressione corporea senza censure e senza presunzione intellettuale.

Il lavoro con il corpo aiuta la mente a ritrovare il suo posto nell’equilibrio psichico e le restituisce le giuste proporzioni.

Solo grazie all’armonia tra la mente e il corpo è possibile affrontare i cambiamenti necessari allo sviluppo di sé e raggiungere un’adeguata realizzazione personale.

Carla Sale Musio

Vuoi sperimentare un training psicologico sull’espressione corporea?

Partecipa allo stage:m

mmmmmmmmmm 

VERTIGO THERAPY

Abbraccia la tua vertigine e migliora te stesso

 

Ci sono paure, fissazioni, piccole manie che non possiamo eliminare, ma con le quali possiamo imparare a convivere in modo sano, abbracciandole e avvantaggiandocene.

In questo seminario, attraverso un percorso che si avvale delle tecniche teatrali (come “action and reaction”), potrai imparare a individuare le tue “vertigini” e a prendertene cura.

Un training per attori che ti insegna a guardare veramente dentro di te e a relazionarti col gruppo, un’esperienza che non passa attraverso i tradizionali schemi terapeutici, ma si apre alla socializzazione e alla condivisione, con un percorso molto dinamico e divertente. Poche semplici mosse per entrare in contatto col tuo io più profondo e trovare un dialogo efficace con te stesso e con gli altri nella vita quotidiana.

Trainer

LucidoSottile (www.lucidosottile.com);

Dott. Carla Sale Musio (www.carlasalemusio.it)

 m

Sabato 16 Novembre 2013, dalle 10 alle 17,30

Ex Liceo Artistico, p.zza Dettori 9, Cagliari

m

Programma

ore 10 iscrizioni – ore 10,30 inizio lavori – ore 13,30 break – ore 14 proseguo lavori – ore 17 conclusioni – ore 17,30 fine lavori

m

Info e adesioni:  Carla Sale Musio 3400033882

m

Si consiglia un abbigliamento comodo (tuta da ginnastica, scarpe da tennis).

m

Al termine sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task