CRISI, CAMBIAMENTO E RIVOLUZIONE INTERIORE

In questi periodi di crisi sperimentiamo più che mai situazioni di frustrazione, delusione, disperazione e spesso accade che proprio questi stati emozionali ci aiutino a cercare con maggiore impegno, risposte alle domande esistenziali più basilari.

É risaputo che storicamente l’uomo si avvicina maggiormente alla ricerca spirituale proprio durante questi periodi di grandi crisi.

Vogliamo sapere perché ci tocca questa sofferenza, mentre normalmente non ci chiediamo il perché delle gioie, felicità, salute, agio, soddisfazioni e successi.

Ben vengano dunque le crisi che ci aiutano a portare l’attenzione ai temi fondamentali della nostra esistenza in questa dimensione e a focalizzarci maggiormente sul nostro compito qui, evitando ulteriori sprechi di tempo o passi falsi che ci porterebbero ad una sofferenza ancora maggiore.

A questo proposito vorrei portare all’attenzione le parole della Guida contenute in una delle innumerevoli “letture” canalizzate da Eva Pierrakos.

Credo che, per coloro che non hanno avuto la fortuna ancora di abbeverarsi a questa fonte di conoscenza, sia importante riportare alcuni passaggi illuminanti sulla realtà, o se preferite sulla visione che è stata portata alla nostra conoscenza e che ci può aiutare a comprendere meglio alcuni perché.

Eva Pierrakos nacque nel 1915 a Vienna. Sviluppò la capacità di canalizzare gli insegnamenti della Guida, un’entità superiore, che attraverso sedute in trance, trasmetteva insegnamenti destinati a un gruppo di studenti, che in seguito è cresciuto, fino a formare l’organizzazione oggi conosciuta sotto il nome di Pathwork. Sposò lo psichiatra John C. Pierrakos, uno dei fondatori della Bioenergetica e padre della Core Energetica. Eva morì nel 1979 lasciando dietro di sé un patrimonio di oltre 250 letture della Guida, fonte di ispirazione e insegnamenti per migliaia di studenti, due centri Pathwork negli Stati Uniti e centinaia di gruppi di studio sparsi per il mondo.

‘’Prima che un’entità cominci a prepararsi a una nuova incarnazione sulla terra, decide quali sono i suoi obbiettivi per quella vita; prepara un piano.

In molti casi l’entità stessa ha il diritto di discutere la sua futura vita con quegli esseri spirituali che sono preposti ad aiutarla.

In questo modo essa può contribuire, in una certa misura, in accordo con le sue capacità di comprensione e di giudizio già acquisite, alla decisione di quello che sarà il suo destino.

Infatti nello stato spirituale essa ha una visione più vasta di quando si trova in un corpo; essa comprende che lo scopo della vita non è quello di vivere quanto più confortevolmente possibile, ma quello di svilupparsi per raggiungere uno stato superiore in cui sia possibile una felicità perfetta, stato che non esiste sulla terra.

E come spirito sa che solo attraverso lo sforzo spirituale, la conoscenza dello spirito può penetrare il suo intelletto; ma come spirito sa anche di non poter ottenere ciò tanto facilmente, ma che spesso difficoltà, prove, e perfino cosiddetti disastri sono necessari per spingerlo a seguire il giusto sentiero e ad adottare la giusta attitudine. Infatti la memoria scompare automaticamente nel momento in cui lo spirito viene avvolto dalla materia.’’

Per coloro che fossero interessati ad approfondire in inglese, esiste il sito patwork.org ove sono raccolte tutte le letture, inclusa questa che è la numero 3.

Quelli che invece desiderassero ottenere una copia già tradotta in italiano, mi possono inviare una richiesta al mio indirizzo mail: benedetta.veroni@tiscali.it

In attesa che l’onda si propaghi, porgo a tutti i miei sinceri auguri per un nuovo anno pieno di riflessioni e di crescita.

Benedetta

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Ultimi commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

N/A lettori, amici e curiosi

TENIAMOCI IN CONTATTO