RITROVARSI OLTRE IL DOLORE DELLA MORTE

Quando muore qualcuno che amiamo il dolore ci sommerge e la perdita ottunde qualsiasi altra sensazione.

In quei momenti la morte intesa come fine di tutto prevale e annichilisce ogni esperienza nuova.

Tuttavia, è proprio durante quei periodi che occorre prestare attenzione alle percezioni interiori senza lasciarsi travolgere dai vissuti di separazione e mancanza.

In una zona della nostra consapevolezza la presenza di chi amiamo rimane sempre identica a se stessa e possiamo percepirla con la medesima chiarezza di quando aveva un corpo.

Questo spiega perché non riusciamo a credere subito alla morte di chi è stato importante per noi.

“Me lo devo ricordare…”

“Devo dirmi che adesso non c’è più…”

“Non mi sembra possibile…”

“Non riesco a crederci…”

Tutte queste affermazioni indicano come la percezione della presenza rimanga invariata anche dopo la perdita del corpo.

Purtroppo, una cultura funerea della morte ci spinge a non ascoltare le sensazioni interiori.

“Non c’è più”

Ripetiamo con tristezza.

E così facendo precludiamo a noi stessi la possibilità di evolvere il legame sperimentando ancora la vicinanza dei nostri cari.

La morte è un’esperienza che, privandoci di ogni riferimento materiale, ci costringe a prendere atto dell’immaterialità della nostra vita.

Ciò che è concreto, infatti, costituisce solo una piccola parte di ciò che è vero.

La maggior parte della realtà che viviamo non è materiale (e compete al cuore).

Il nostro benessere psicologico riguarda l’immaterialità.

Pensieri e stati d’animo sono intangibili ma generano la salute e la sofferenza mentale da cui dipende la qualità della nostra vita.

La felicità, la serenità e l’armonia che tutti desideriamo sono percezioni interiori e hanno ben poco a che fare con la concretezza.

Quando muore qualcuno che amiamo la sua mancanza si sovrappone alla percezione interiore della presenza impedendo l’ascolto e l’incontro.

Per superare il rigido schema materialistico che nega qualsiasi contatto con chi è privo di corpo bisogna fare uno sforzo e lasciarsi guidare dal cuore che ci spinge a ritrovare i nostri cari.

La difficoltà sta nel gestire la percezione della loro assenza fisica…

Infatti, non appena si entra in contatto con il legame (che ci unisce a chi non ha più un corpo permettendoci di ritrovarlo), la presenza si annuncia con i ricordi.

I ricordi sono come un avatar, un’icona che rende riconoscibile chi non ha più un corpo a chi il corpo lo possiede ancora.

Sono il segnale del contatto, un modo per farsi riconoscere.

Ma, non appena compaiono i ricordi ad annunciare la presenza di coloro che amiamo e che stiamo cercando, ecco che la mancanza fisica prevale e ci sommerge di dolore… ostacolando in questo modo qualunque contatto!

La sofferenza ci impedisce di ascoltare le impalpabili percezioni interiori.

È come un rumore di fondo che sovrasta la melodia dell’incontro.

Per entrare in rapporto con chi non ha più un corpo bisogna comprendere che i ricordi indicano la sua presenza.

E lasciarsi attraversare da quei flashback senza scivolare nella mancanza.

Se ci si abbandona al processo naturale del ricongiungimento le memorie e l’attuale presenza incorporea si fondono in un’unicità che ci comprende fino a diventare un tutt’uno.

(Il cuore utilizza sempre una modalità percettiva soggettiva perché funziona seguendo le competenze dell’emisfero destro del cervello.)

Non ci sono più un io, un tu e uno scorrere del tempo, prima e dopo.

C’è un’unione presente senza tempo che coinvolge.

Questa è la modalità affettiva di sperimentare la realtà.

Ma di solito…

La mente non lo sopporta.

La logica si ribella.

E l’incontro… sfugge via!

Per riuscire a mantenere l’unione occorre accettare lo smarrimento della logica senza spaventarsi e senza reprimerlo.

Quando la mente lascia che sia il cuore a guidarla si accede a una diversa consapevolezza e il legame con chi abbiamo amato ci conduce spontaneamente a ricongiungerci.

Nello spazio del cuore sono possibili gli incontri e le comunicazioni.

Per arrivarci bisogna abituarsi alla rarefazione della fisicità e della materialità.

E soprattutto è necessario permettersi di rinunciare all’oggettività.

Il cuore utilizza la coscienza soggettiva.

Le esperienze interiori sono sempre individuali e sono possibili solamente così.

Questo non vuole dire che ce le siamo inventate.

Vuol solo dire che non sono ripetibili.

Sono uniche.

Nessun legame è uguale a un altro.

Ogni unione è diversa e speciale.

Ogni esperienza del cuore si esprime con modi propri.

Il cuore non può essere normale.

Può solo essere vero.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più?

Leggi il libro:

lo trovi su Amazon e in tutti gli store on line 

oppure lo puoi ordinare in libreria

Comunicare con chi non ha più un corpo

Acquista

Ultimi commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

N/A lettori, amici e curiosi

TENIAMOCI IN CONTATTO