Apr 26 2011

DEPRESSIONE: un tentativo sano di ritrovare se stessi

Published by at 09:29 under Psicologia,Psicoterapia

Il nostro frenetico stile di vita ci spinge sempre di più all’apparire, ad aderire a modelli preconfezionati, piuttosto che a riconoscere la nostra autenticità.

In questo triste scenario anche le emozioni, purtroppo, devono presentarsi nel modo giusto per potersi adattare alle varie occasioni.

 

Così, di volta in volta, DOBBIAMO essere:

  • Allegri e pieni di entusiasmoquando siamo in vacanza.

  • Concentrati, propositivi e instancabiliquando lavoriamo.

  • Capaci di accontentarci, collaborativi e pazientiquando lavoriamo (soprattutto se siamo femmine).

  • Calmi, sereni e posatiquando discutiamo.

  • Riflessivi” quando prendiamo le decisioni.

  • Felici e colmi d’amore per tuttiin tutte le ricorrenze familiari (escluso i funerali) (soprattutto il giorno di Natale).

  • Pronti a ricominciare con entusiasmoquando abbiamo fallito.

  • Forti e capaci di reagire con tenaciadavanti alle malattie, anche gravi.

  • Soddisfatti comunque vadanelle competizioni (soprattutto quando perdiamo).

  • Umili e rispettosi anche davanti alla prepotenza degli altriquando siamo più giovani.

  • Pronti a lasciar correrepur di salvare le apparenze.

  • Pronti a tuttoquando si tratta di fare carriera (soprattutto se siamo maschi).

Chi non riesce a provare i sentimenti conformi alle circostanze secondo le richieste sociali, deve fare i conti con un senso d’inadeguatezza, di anormalità e, pur di sentirsi normale, finisce per nascondere la propria sensibilità sotto la maschera delle emozioni prescritte.

A volte, tutto ciò che rimane percepibile è solamente un senso di disagio o di malessere, senza nessuna causa apparente.

Attutire questa pressione emotiva stereotipata, rimanendo in silenzio con se stessi (quel non avere voglia di fare nulla, oggi così temuto) è il modo più naturale di ripristinare un ascolto profondo di sé e delle proprie reali esperienze, quando la corsa al conseguimento di tutti gli status impedisce il contatto con i bisogni e con i valori di ciascuno.

In questa chiave, la de-pressione costituisce un tentativo estremo per de-pressare la girandola vorticosa delle emozioni prescritte dalla corsa al raggiungimento dei beni materiali, un modo per interrompere lo sforzo innaturale del dover essere e per ripristinare l’ascolto sano dei propri bisogni e delle proprie emozioni.

Essere depressi significa, allora, non aver più voglia di giocare quei giochi sociali che non ci appartengono e lasciare che dalla totale assenza di emozioni, dal vuoto interiore che fa tanta paura, emerga il significato profondo della vita, il senso che ritrova le chiavi della propria esistenza.

Fuori dal consumismo e dai raggiungimenti materiali, lontana dal giudizio e dal conformismo, la nostra anima osserva il mondo e, seduta sul bordo della vita, aspetta che il silenzio interiore le permetta finalmente di esprimere se stessa.

Libera da falsi bisogni.

Autentica.

Nella sua essenziale verità.

Da sempre.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro:

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

anche in formato ebook

 

Nessun Commento

I Commenti per questo articolo sono chiusi!.

Trackback URI |