Archive for Aprile, 2022

Apr 30 2022

FAMIGLIA E SCHIAVISMO

È difficile da ammettere, ma lo schiavismo nasce all’interno della famiglia.

Nella famiglia, infatti, impariamo quasi tutte le competenze che guideranno le nostre scelte nel corso della vita.

Competenze che difficilmente verranno messe in discussione e che, in seguito, indicheranno la strada ai nostri figli.

Da secoli i valori dell’ubbidienza, del pensiero acritico e della sottomissione prendono forma tra le mura domestiche e, tramandandosi da una generazione all’altra, costruiscono la docile arrendevolezza necessaria a forgiare un popolo di soldatini ubbidienti.

La piccola élite che governa il mondo ha strutturato bene il suo potere e usa a piene mani la psicologia per tenere le masse in schiavitù.

Una schiavitù invisibile, nascosta dietro l’apparente normalità quotidiana e forgiata nel luogo dove invece ci si aspetterebbe la massima protezione: all’interno della famiglia.

Ci hanno fatto credere che il focolare domestico sia il tempio dell’amore e della solidarietà, ma spesso proprio lì prendono forma i drammi che costellano la vita di tante persone.

Nascono all’ombra della prepotenza e sotto l’egida di un potere assoluto: quello che i genitori agiscono sui propri figli.

E preformano la psiche all’obbedienza, prima ancora che il cervello si sia completamente formato e possa coglierne l’incoerenza e le criticità.

Sono drammi che si strutturano sulla paura e sul bisogno di protezione dei bambini.

Sono catastrofi interiori che annientano la dignità e l’autostima e insegnano a chinare la testa davanti al più forte.

Sono le difficoltà di cui ci occupiamo quotidianamente noi psicologi.

E derivano da uno stile educativo definito pedagogia nera e volto a difendere l’interesse dei pochi che governano i molti.  

Mi riferisco a quella metodologia didattica (diffusa un po’ dappertutto, nelle famiglie e a scuola) che afferma impunemente il valore della prepotenza nascondendolo dietro la necessità di forgiare i più piccini alla durezza della vita.

Pochi adulti sfuggono a questa trasmissione di valori ingiusti.

La maggior parte soccombe alla tradizione e, inconsapevolmente, tramanda lo schiavismo ai propri figli convinta di agire per il loro bene.

Ti picchio… per il tuo bene.

Ti punisco… per il tuo bene.

Ti abbandono… per il tuo bene.

Ti maltratto… per il tuo bene.

Sono queste le ragioni addotte per giustificare il dispotismo dei grandi ai danni dei piccoli.

E sono questi i valori che i bambini imparano a rispettare, proiettandoli in seguito su chi incarnerà il potere: scuola, istituzioni, forze dell’ordine, datore di lavoro…

Chiunque personifichi un ruolo prestigioso richiama nella psiche l’immagine di quella prima autorità genitoriale e attiva le memorie dell’ubbidienza e della sottomissione.

È grazie all’ubbidienza e alla sottomissione, infatti, che da bambini siamo sopravvissuti al dolore dell’incomprensione.

E, sempre grazie all’ubbidienza e alla sottomissione, abbiamo imparato che essere docili e arrendevoli permette di evitare tante difficoltà e tante paure.

In questo modo quella piccola élite al governo del mondo ha costruito il suo grande impero, nascondendo in seno alla famiglia le armi che le garantiscono il potere.

E preformando nella psiche umana quell’arrendevole docilità… necessaria per condurre le bestie al macello.

Sfuggire alle maglie di questa Gestapo Interiore è molto più difficile che combattere una guerra sui campi di battaglia.

Infatti, quando il nemico è celato dentro te stesso diventa (quasi) imprendibile.

Oggi le prigioni sono gabbie mentali.

Invisibili e invincibili.

Uscirne significa mettere in discussione i fondamenti educativi in cui siamo cresciuti e affrontare la solitudine che accompagna le voci fuori dal coro.

La libertà è fatta di responsabilità, di autonomia e di autodeterminazione.

Chi nasce libero non segue il branco e non ripete pedissequamente ciò che ha imparato.

Si fa tante domande.

A cui spesso non trova risposte.

E costruisce da solo un mondo nuovo.

Un granello alla volta.

Incurante del giudizio degli altri.

Carla Sale Musio

Leggi anche:

SCHIAVISMO MODERNO

No responses yet

Apr 23 2022

LA BAMBOLA

La sabbia era ancora densa dopo la pioggia.

A camminarci sopra, sembrava di schiacciare pietre piccole, che poi scivolavano di lato.

Aveva deciso di uscire quella mattina: il suo cane le camminava accanto, stupito dagli odori umidi e dai colori della primavera appena iniziata.

Poi, qualcosa di rosso tra le alghe.

*****

Erano partiti di notte, per sfuggire ai controlli.

La barca sembrava leggera, ma avevano deciso: forse oltre il mare c’era una vita diversa. 

Per quel viaggio avevano speso i loro risparmi: lui, lei, una bambina di pochi anni e un altro figlio in arrivo.

Speravano che lui avrebbe conosciuto una vita migliore.

Insieme a loro molti altri, sconosciuti e spaventati.

La bambina aveva con sé poche cose in una borsa e, tra le braccia, teneva una bambola piccola, rossa nei capelli e nel vestito, il suo unico giocattolo.

“Non appesantite la barca”, avevano raccomandato a tutti loro.

E, infatti, lo spazio era ridotto, ricolmo di corpi, di borse alla rinfusa, di pochi viveri.

“Impiegheremo alcune ore ad arrivare”, li avevano rassicurati.

“Il tempo è buono”.

Ma, quando già si vedeva la costa, ecco soffiare un vento improvviso.

La barca oscilla, il terrore cresce, si accalcano tutti su un lato: l’acqua comincia ad entrare.

*****

Una luce vicina: è una nave straniera; si accosta, li accoglie.

Qualcuno prende in braccio la bambina, la mette in salvo sulla nave, ma a lei scivolano in mare la borsa e il giocattolo.

La bambina piange, si sporge in avanti: per fortuna la agguantano e la ricacciano al sicuro.

*****

Fino a quel momento, la bambola non era mai rimasta sola.

E il terrore la prende: un urlo piccolo, poi il gelo dell’acqua.

I capelli si intridono e anche il vestito.

Lentamente comincia ad andare verso il fondo, le braccia levate, come a chiedere aiuto.

*****

Quelle onde non avevano mai visto una bambola, per giunta così graziosa.

Gli dispiaceva davvero che morisse.

Sapevano bene che, senza il loro aiuto, sarebbe finita sul fondo, nascosta da alghe e sabbia.

Nessuno avrebbe saputo di lei, nessuno l’avrebbe cullata: e una bambola muore, quando nessuno le vuole più bene. 

*****

Allora, mosse a compassione, le onde invocano il vento e lui le ascolta.

Sibila potente, le agita scuotendole.

La bambola che quasi si adagiava, ormai sconfitta dalla sorte, si sente trascinare verso l’alto, senza sapere dove.

*****

Le era finito un amore, quello che credeva il più importante, e si era ritirata nella sua casa vicina alla spiaggia.

Era appartenuta ai suoi genitori e lei ci tornava ogni tanto, quando aveva bisogno di riflettere o di vivere qualche tempo in solitudine.

In quei giorni aveva il cuore a brandelli; la consolava il suo cane, un randagio preso dalla strada: da allora, l’animale non mancava di ringraziarla.

Quella mattina aveva appena smesso di piovere, ma lei era uscita per una passeggiata: il cane la precedeva e girellava, riportandole il bastone che la donna gli aveva lanciato.

*****

Poi, lui si ferma e si ferma anche lei: c’è qualcosa di rosso sulla riva, tra la sabbia.

Il cane accorre, smuove le alghe con il muso.

Ed ecco che il rosso diventa un abitino di stoffa, dei capelli lunghi, una coroncina di fiori.

Il rosso è una bambola minuscola, le braccia alzate come a chiedere aiuto.

*****

La donna si china, si stupisce, la raccoglie.

E mentre la guarda, si ricorda di quando, da bambina, aveva perso la sua bambola preferita, dimenticata sulla spiaggia alla fine di una vacanza estiva.

Una distrazione breve la sua: poco dopo era tornata indietro a cercarla, ma la bambola non c’era più.

Piccola come quella appena trovata, aveva colori diversi.

Oppressa dalla colpa, la bambina aveva pianto per giorni.

Allora sua madre, per consolarla, le aveva spiegato che certo, qualcun’altra l’aveva trovata e ci avrebbe giocato ancora.

“Non essere triste”, le aveva detto.

“Una bambola muore, solo quando nessuno le vuole bene”.

*****

La donna si scuote dal ricordo: accarezza la bambola, le toglie le alghe dai capelli, le ripulisce il vestito.

“Torniamo a casa”, dice al cane.

“Abbiamo una bambola da confortare”.

Gloria Lai

Vuoi saperne di più?

Visita la pagina di Gloria Lai

.

Ti piacciono le fiabe di Gloria Lai?

Leggi il suo libro

Scritto tutelato da Patamu.com, n°179291 del 20/4/2022

No responses yet

Apr 16 2022

SCHIAVISMO MODERNO

Si definisce schiavismo un sistema (economico e sociale) basato sulla schiavitù, cioè sul possesso e sullo sfruttamento dei popoli o degli individui.

Al giorno d’oggi guardiamo con orrore allo schiavismo, convinti si tratti di una pratica primitiva e ormai obsoleta.

Ignoriamo che lo schiavismo si è perfezionato, raggiungendo nel tempo forme sempre più adulterate.

Se in passato, infatti, la schiavitù era imposta con la forza, attualmente si conquista con la persuasione, lasciando credere ai moderni schiavi di poter scegliere.

La scelta in questione, tuttavia, riguarda sempre vantaggi effimeri se confrontati con la perdita della libertà.

.

IN UN MONDO SANO OGNI INDIVIDUO DOVREBBE ESSERE IL PADRONE DI SE STESSO

.

Nello schiavismo, invece, le persone diventano proprietà di qualcun altro che le gestisce imponendo la propria volontà.

Lo schiavista ha diritto di vita e di morte sugli schiavi.

E in passato questo era palese, mentre nel presente è la conseguenza di un’impossibilità a sopravvivere in mancanza dello schiavista.

Impossibilità che spinge gli schiavi a scegliere la schiavitù, rendendola invisibile.

Scegliere di rinunciare alle proprie aspirazioni per continuare a vivere, infatti, non rappresenta la libertà.

Soprattutto quando questa scelta appare l’unica possibile.

La convinzione di avere più possibilità occulta abilmente la schiavitù dietro l’apparente molteplicità di opzioni.

Tutte volte a proteggere gli interessi dello schiavista.

Così, paradossalmente, possiamo scegliere di dipendere da una multinazionale farmaceutica, da una catena di supermercati o da uno store on line.

Ma, qualunque sia la scelta, occorrerà rinunciare all’iniziativa personale per adeguarsi alle esigenze dell’organizzazione e ricevere in cambio la retribuzione.

Retribuzione con cui potremo acquistare i beni prodotti, incrementando ulteriormente i profitti dello schiavista.  

.

IL MITO DEL POSTO FISSO

.

Il mito del posto fisso è la più grande forma di schiavismo mai esistita.

Dietro la necessità di lavorare alle dipendenze di qualcuno che garantisce la sopravvivenza (grazie allo stipendio) si nasconde una manipolazione della libertà individuale e una perdita (quasi) totale dell’autonomia personale.

Vendere al migliore offerente la propria energia e il proprio tempo in cambio del denaro significa (quasi sempre) rinunciare all’espressione e alla creatività che caratterizzano l’unicità di ciascuno, abbandonando la missione che siamo venuti a svolgere nel mondo.

In questo modo i soldi costituiscono l’unico obiettivo della scelta lavorativa, mentre la manifestazione dei talenti individuali perde completamente d’importanza.

Tutto ciò che non è funzionale allo sviluppo economico dei pochi che gestiscono i molti, infatti, è bollato con lo stigma dell’inutilità e perciò censurato.

Il lavoro si trasforma così in uno sterile approvvigionamento economico, ben lontano dal piacere interiore che spinge a realizzare la propria creatività nella relazione con gli altri.

Siamo cresciuti col mito del posto fisso: unica garanzia di una vecchiaia serena!

E abbiamo perso di vista che la serenità deriva dall’espressione della nostra unicità nella vita di tutti i giorni.

Fare quello che ci coinvolge e ci riesce bene permette di non stancarsi e di godere il benessere che deriva dall’esercizio dei propri talenti.

Senza aspettare le ferie, la pensione o la domenica per potersi (finalmente!) dedicare a se stessi.

Quando lavorare ci piace e ci appassiona, la soddisfazione prende il posto della fatica e il desiderio di far bene è inevitabile.

Al contrario, quando le mansioni lavorative riguardano la supremazia di qualcun altro, la noia e la frustrazione la fanno da padroni mentre la depressione spinge a trovare una compensazione nell’evasione (da sé e dalla vita).

Il mito del posto fisso rivela con chiarezza l’evoluzione moderna dello schiavismo.

E racconta l’inganno, ottenuto grazie alla manipolazione culturale e al ricatto economico, con cui ci siamo diventati proprietà di chi paga il nostro (tanto desiderato) stipendio.

Stipendio ben lontano dal guadagno che consegue alla libera espressione di sé.

Stipendio che incatena sempre di più al mondo dei consumi.

Stipendio che imprigiona e sancisce la schiavitù.

Carla Sale Musio

Leggi anche:

PROSTITUZIONE LAVORATIVA E NEGAZIONE DI SÉ 

No responses yet

Apr 09 2022

IL PERDONO ATTIVO

Per chi ha vissuto un’infanzia particolarmente sofferta con dei genitori che hanno commesso importanti errori o mancanze, i sentimenti di rabbia e il senso di ingiustizia permangono in maniera molto forte anche durante l’età adulta, creando spesso una barriera di sentimenti negativi che influenzano il vissuto quotidiano.

Parlare di perdono spesso suscita emozioni contrastanti poiché la persona sente che la sua sofferenza viene in qualche modo screditata o sminuita e ciò amplifica la rabbia e la distanza emotiva nei confronti degli altri.

Insomma, la sofferenza del passato genera una voragine dalla quale pare non ci sia via d’uscita: da un lato il forte desiderio di placarla e dall’altro lato la paura che essa cada nel dimenticatoio senza la possibilità di un riscatto.

Come si può, pertanto, arrivare ad un sentimento di perdono senza rimanere impigliati nella rete di questo meccanismo?

A tal proposito mi piace utilizzare il concetto di perdono attivo.

Per capire in cosa consiste partiamo dal suo opposto: il perdono passivo.

Il perdono passivo è quel tipo di perdono di cui comunemente si dice: “Devi perdonare.”; è una sorta di imposizione, di dovere, ha una connotazione razionale, con anche delle buone logiche, ma totalmente disconnesso dall’emotività.

Il perdono passivo lo si evince da frasi come “Ormai è successo.”, “Non puoi farci più nulla.”, “Continuare a rivangare il passato ti fa solo del male.”

Quel che viene chiesto alla persona è di dimenticare, andare avanti…

Sono tutti presupposti eccellenti se funzionassimo solo razionalmente.

Ma dove va a finire tutta l’emotività associata al vissuto?

Il concetto di perdono attivo invece considera sia il livello razionale che il livello emotivo.

Partiamo dal presupposto che la persona non può certamente dimenticare né affievolire i sentimenti di rabbia e dispiacere, quel che occorre fare è accoglierli per poi trasformarli.

“Chi sono diventato dopo la mia esperienza?”, “Quali parti hanno avuto la possibilità di esprimersi e rivelarsi, aiutandomi a crescere?”, “Quali parti ho dovuto proteggere che ora posso iniziare ad accogliere grazie a ciò che sono diventato?”

Aiutare la persona verso una posizione attiva e riconoscente della sua esperienza, in un’ottica dinamica ed evoluta piuttosto che cristallizzata, consente alla persona stessa di cogliere il senso profondo del suo vissuto e di andare oltre i sentimenti di rabbia.

Un giorno un paziente mi disse: “Se non avessi avuto i genitori che ho avuto probabilmente non avrei mai sviluppato questo senso di empatia. Avere avuto il loro esempio mi è servito a capire cosa non sarei mai voluto essere e da lì ho trovato la mia strada. È grazie a loro se oggi sono un genitore presente e costante, proprio grazie alla loro assenza e alla loro incostanza.”

Martina Mastinu

Vuoi contattare la dott.ssa Mastinu?

Visita la sua pagina

No responses yet

Apr 01 2022

PROSTITUZIONE LAVORATIVA E NEGAZIONE DI SÉ

Per uscire dal sistema piramidale in cui siamo imprigionati da millenni la prima cosa da fare è coltivare il rispetto, la dignità e l’entusiasmo che ci caratterizzano come persone umane e indicano la strada (quella vera) verso l’appagamento e la realizzazione.

Ci hanno insegnato che il lavoro è solamente un’attività necessaria alla sopravvivenza.

E alla luce di questo insegnamento abbiamo imparato a considerare la nostra occupazione professionale in funzione del guadagno, senza dare importanza alle mansioni che ci vengono richieste.

Così per tante persone lavorare in una fabbrica di armi o in una organizzazione umanitaria non fa alcuna differenza.

Ciò che conta sono i soldi da portare a casa alla fine del mese.

Seguendo ciecamente questo criterio ammiriamo gli individualisti e i prepotenti, e disprezziamo la sensibilità e l’ascolto del mondo interiore, convinti che i furbi siano vincenti e l’arroganza sia una virtù.

Esiste un bombardamento culturale volto a impiantare nella psiche i valori del cinismo e dell’indifferenza.

Tuttavia, in seguito a questo indottrinamento la sofferenza psicologica dilaga dappertutto e le malattie del secolo: l’attacco di panico e la depressione, sono in costante aumento.

Per conformarsi, infatti, è necessario censurare i sogni e le ambizioni, e rassegnarsi a servire un padrone senza scegliere cosa nutre la psiche e fa bene all’anima.

Sono rinunce poco visibili, giustificate dall’urgenza di raggiungere l’indipendenza economica (senza la quale la vita ci sembra impossibile), ma nascondono una pericolosa negazione del sé e hanno come conseguenza la perdita dell’entusiasmo, dell’efficacia personale e del desiderio di vivere.

Vivere, infatti, non è soltanto: mangiare dormire, lavorare e spendere.

Vivere è una sensazione di pienezza interiore: quell’ebrezza dell’anima che ci fa sentire bene anche in mezzo alle difficoltà perché riempie l’esistenza di significato.

Qualcosa che è difficile definire a parole perché il linguaggio è fatto a uso e consumo dell’economia e i vocaboli scarseggiano quando si tratta di definire il benessere interiore.

Chiamiamo negazione del sé il mancato ascolto dei propri bisogni espressivi.

Cresciamo in un mondo che costruisce prigioni invisibili intorno alla creatività e demonizza l’espressione individuale a vantaggio dell’omologazione.

Così, impariamo da bambini a vendere il nostro tempo al miglior offerente, abbandonando l’entusiasmo e il piacere di fare le cose.

E crescendo prostituiamo la nostra creatività per uno stipendio che ci rende schiavi.

Quasi che senza un padrone e senza il suo salario non esistesse altra possibilità di vita.

Eppure…

Ci sono persone che scelgono di coltivare i propri sogni e si impegnano a fare del proprio lavoro una missione di vita, oltreché una fonte di reddito.

Persone che amano ciò che fanno e perciò non si stancano.

Persone convinte che la professione sia un’espressione creativa: qualcosa che dona piacere, soddisfazione, entusiasmo… oltre ai soldi.

Sono uomini e donne che non si sono piegati ai dettami di quella piccola élite che governa il mondo.

E oggi illuminano la strada a quanti il lavoro lo hanno perso pur di non farsi iniettare farmaci sperimentali di cui ancora non sono stati studiati gli effetti.

Così mentre l’élite multimiliardaria impone ai governi le sue regole ingiuste e prepotenti, tanti individui svegli aprono gli occhi davanti alle ingiustizie e alla corruzione, scegliendo di non prostituirsi più.

Siamo tutti chiamati a cambiare il mondo, ma per farlo dobbiamo cambiare noi stessi, liberandoci dalla convinzione che il lavoro sia vendere il proprio corpo e la propria energia a qualcun altro e riappropriandoci del piacere di fare ciò che ci piace per fare stare bene noi stessi  e gli altri.

Carla Sale Musio

Leggi anche:

SIAMO TUTTI CHIAMATI A CAMBIARE IL MONDO

No responses yet