Archive for Giugno 6th, 2019

Giu 06 2019

DIETA E PIACERE: UN BINOMIO IMPRESCINDIBILE

Quando vogliamo agire un cambiamento nel nostro modo di mangiare il primo scoglio che incontriamo è lo stravolgimento delle consuetudini.

Modificare le abitudini alimentari non è difficile… è DIFFICILISSIMO!

Nel ritmo incalzante delle giornate l’unica occasione in cui ci concediamo una sosta sono i pasti.

E in quei momenti sembra che anche il mondo si fermi.

Gli uffici chiudono, le strade si svuotano… e finalmente il relax arriva… con il cibo.

Nell’immaginario collettivo rinunciare a nutrirsi in modo tradizionale significa privarsi di un piacere insostituibile e prolungare la fatica quotidiana senza soluzione di continuità.

Molte persone a stomaco vuoto non riescono nemmeno a dormire, figuriamoci a lavorare!

Quando mangiare è l’unico godimento concesso rinunciare alle abitudini sbagliate diventa impossibile.

Ecco perché per cambiare la dieta è necessario agire sul piacere.

Cioè permettersi di coltivare momenti di appagamento diversi dai riti quotidiani intrecciati al cibo.

Infatti, se la gioia è raggiunta soltanto grazie al menù cambiare alimentazione diventa una missione impossibile.

Chi di noi rinuncerebbe alla felicità per condurre una vita fatta soltanto di fatiche?!

Per trasformare le abitudini alimentari è necessario osservare cosa amiamo fare e quanto tempo concediamo a queste attività durante la giornata.

Solo coltivando il piacere si può sfidare la dipendenza alimentare.

Infatti, imporsi il cambiamento grazie a una rigida disciplina amplifica il desiderio di cibi gratificanti (in genere cibo spazzatura) e può funzionare solo per tempi molto brevi.

Lo sanno bene le industrie alimentari che ci sommergono di pubblicità volte a enfatizzare l’aspetto rilassante e consolatorio delle pietanze (nascondendo con cura gli ingredienti e le conseguenze tossiche che la maggior parte dei prodotti hanno sulla salute).

Lo sanno bene anche gli interessi delle multinazionali che aumentano in maniera esponenziale facendo leva sul bisogno di concedersi una pausa gradevole, a buon mercato e (soprattutto) veloce.

Poco importa se per raggiungere i target economici è necessario sacrificare la salute di tante persone ingenue e disponibili.

A curarle ci pensano le case farmaceutiche che con le loro pillole colorate gestiscono un impero basato proprio sulla sofferenza.

Per difendersi da questo business è necessario prendere in mano le proprie scelte e gestire in prima persona il delicato equilibrio tra piacere e dovere, facendo in modo che il bello della vita non sia soltanto sedersi a tavola per mangiare.

Le pubblicità ci raccontano un mondo assai lontano dai nostri reali bisogni e desideri.

Una realtà fatta apposta per tenerci schiavi di bisogni indotti ad arte.

Per mantenerci sani abbiamo bisogno di condividere le emozioni (soprattutto l’amore: terapia miracolosa e priva di ricetta medica), di giocare, di sviluppare la creatività, di muoverci in mezzo alla natura.

Cose semplici e poco costose delle quali ci scordiamo troppo spesso.

Domandarsi ogni giorno Cosa mi piace fare?” è una medicina a costo zero che costringe ad ascoltare anche le parti libere, solari e indipendenti di sé, aiutandoci a verificare  quotidianamente la qualità della nostra vita.

Al contrario, rimpinzarsi di cibo serve a non pensare e allontana dall’ascolto della propria intima verità.

Mangiare tanto e in modo poco salutare è funzionale agli interessi dell’economia ma tradisce il progetto profondo che nascendo siamo venuti a svolgere su questo pianeta.

Non si atterra per caso nel mondo… e non si vive a caso.

Ognuno porta in dono la propria unicità e il proprio peculiare modo di interpretare l’esistenza.

Ottunderci di cibo e omologarsi a esigenze improprie spinge a dimenticare che la vita è un percorso di crescita personale e non il palcoscenico di vanità irraggiungibili e spesso inutili.

La salute è la conseguenza di uno stare bene con se stessi che non è fatto di grandi abbuffate ma di un ascolto costante dei propri valori e della creatività nascosta nelle scelte di ogni giorno.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro: 

DROGHE LEGALI

verso una nuova consapevolezza alimentare

anche in formato ebook

Puoi trovarlo su youcanprint.it e in tutti gli store on line: IbsAmazon, Kobo, Apple, Google Play,  Feltrinelli, Mondadori, Barnes&Noble… 

Oppure puoi ordinarlo nelle librerie del territorio italiano, sia di catena come: Feltrinelli, Ibs, Mondadori…, che indipendenti.

No responses yet