Giu 04 2018

TUTTO È ENERGIA

Published by at 04:56 under Psicologia,Psicoterapia

Apparteniamo a un mondo fatto di energia e per vivere bene è necessario imparare e riconoscerla.

Soprattutto dentro noi stessi.

Ciò che incontriamo possiede un magnetismo particolare che caratterizza le nostre esperienze.

Ogni cosa danza nella vita con una frequenza diversa, permettendoci di individuarne la presenza dentro noi stessi.

Esistono tante sfumature energetiche quanti sono i colori dell’arcobaleno.

La rabbia, l’amore, la malinconia, la gelosia, l’apprensione, la tenerezza… muovono nel corpo energie differenti e possiamo riconoscerne le specificità nelle sensazioni che ci attraversano di momento in momento.

Ogni Sé porta in dono una qualità unica e modula la nostra percezione della realtà con una modalità diversa da qualunque altra.

Abbiamo parti coinvolgenti, rassicuranti, inquietanti, pericolose, giocose… e possiamo osservare il loro avvicendarsi nella psiche riconoscendone le manifestazioni energetiche.

Imparando a riconoscere l’energia di ogni aspetto psichico riusciamo a dirigere la nostra personale Orchestra dei Sé, trasformando il chiasso interiore in armonia, le guerre in condivisioni, il caos in esperienze creative capaci di regalarci nuove possibilità.

Per superare le contraddizioni che spesso torturano la mente è necessario lasciarsi attraversare da queste vibrazioni senza identificarsi ma imparando a distinguerne le peculiarità.

Solo così possiamo armonizzare i paradossi della psiche, superando le barriere che imprigionano la logica in schemi rigidi e inamovibili.

Per stare bene con se stessi è indispensabile accogliere ogni aspetto della vita intima senza censurarlo e senza giudicarlo, ascoltandone i bisogni e le ragioni in uno spazio neutro di accoglienza.

Questo riconoscimento partecipe e attento permette alle diverse energie di trovare un nuovo equilibrio, consentendoci di gestire le qualità e le difficoltà di ogni .

In questo modo diventa possibile trasformare in risorse anche gli aspetti che non ci piacciono o che ci fanno paura.

L’emarginazione che imponiamo nel mondo interno si riflette nel mondo esterno, generando situazioni di malessere e di sopraffazione.

Quando però riusciamo ad armonizzare la molteplicità che caratterizza l’interiorità l’energia trova un equilibrio.  

E le difficoltà si trasformano in opportunità.

.

STORIE DI ENERGIE… E DI TRASFORMAZIONE!

.

Massimo ha spesso piccoli incidenti. Niente di grave. Sono imprevisti di poca importanza.

Tuttavia non può fare a meno di notare che i contrattempi capitano sempre quando raggiunge qualche risultato positivo.

“Sembra che la sfortuna si diverta ad avvelenarmi ogni vittoria!”

Commenta sconsolato scrollando la testa.

Durante uno stage di crescita personale scopre in se stesso un Sé Rigoroso che si manifesta nel mondo interiore ogni volta che il successo fa capolino nella sua vita.

Aiutato dal trainer e dal gruppo, Massimo porta la sua attenzione su quella parte atterrita all’idea che i buoni risultati possano alimentare un eccessivo edonismo.

Con pazienza e attenzione impara a percepirne l’energia nel corpo e a gestire nella vita i suoi interventi distruttivi.

Oggi Massimo può assaporare il piacere della riuscita assecondando in modi nuovi quel bisogno di etica e di rigore.

Fare un regalo a qualcuno che stima, occuparsi di una piccola beneficenza, offrirsi di dare una mano a chi è in difficoltà… sono cose che sceglie di fare consapevolmente per ristabilire l’equilibrio interiore e amministrare opportunamente i suoi Sé entusiasti insieme a quelli più impegnati e generosi.

* * *

Quando ha fame Magda non si controlla, diventa irrequieta, impaziente, irascibile e non trova pace finché non divora tutto ciò che di commestibile le capita sottomano.

Il bisogno di ingurgitare qualsiasi cosa senza concedersi il tempo di assaporare il cibo la tiene in scacco.

Sin da piccola vive nell’ansia di perdere il controllo e finire vittima di quell’energia insaziabile.

Infine, stanca ed esasperata, decide di mettere fine al susseguirsi delle possessioni e comprendere una volta per tutte cosa innesca la miccia della sua voracità.

Inizia così un percorso di cambiamento.

Con fatica, a ogni pasto, si mette in ascolto del suo mondo interiore.

E un boccone dopo l’altro… emerge una bambina terrorizzata dalla paura e dalla solitudine.

Lentamente affiorano i ricordi: la mamma che per punirla la mandava a letto senza cena, il fratello maggiore che le strappava di mano i dolci e la derideva, i compagni di classe che la chiamavano cicciona, il fidanzato che le imponeva di mettersi a dieta.

Scopre che per quella bambina riempirsi la pancia significa concedersi il diritto di avere qualcosa di suo: i suoi pensieri, le sue idee, le sue scelte, le sue ragioni.

Da quel momento Magda decide di mangiare ascoltando nel corpo l’energia delle proprie paure antiche.

Paura di essere disprezzata, derisa, emarginata, rifiutata, abbandonata.

Con pazienza assiste ogni giorno a quel dolore, affronta i ricordi, osserva la solitudine.

Mastica ogni boccone insieme alla sua vita, alla sua rabbia, alla sua sofferenza, alle sue speranze, all’entusiasmo, alla voglia di vivere.

E piano piano le lacrime cedono il posto all’amore.

Amore per se stessa, per la sua storia, per la sua pancia e per il suo cuore.

Amore per ciò che è, per il suo coraggio e per la sua fragilità.

Oggi Magda ha imparato a nutrirsi in modo nuovo.

Ogni pasto è un esercizio di meditazione, un’occasione per ascoltare nel corpo la propria verità.

* * *

“Prima il dovere e poi il piacere!” 

Il babbo lo ripeteva sempre.

E così Angelo ha imparato a svolgere tutte le sue mansioni con responsabilità.

Si occupa della casa, dei bambini, di sua moglie, dei suoi pazienti e dei pazienti dei suoi colleghi, dei vicini, degli amici e anche degli amici degli amici.

“Prima il dovere e poi il piacere…”

Ma il tempo del piacere finisce sempre in coda alla lista delle sue priorità.

Una lista così lunga che non basta una vita per assolvere tutto.

Angelo sa che manca qualcosa ma non trova un momento nemmeno per ascoltare i messaggi del suo corpo.

Quel dolore alla schiena ormai non l’abbandona più.

Segnala l’energia eccessiva spesa a risolvere i problemi del mondo.

Angelo sente che qualcosa deve cambiare.

E, infatti, qualcosa cambia.

Un ricovero improvviso lo obbliga a fermarsi e finalmente in un letto di ospedale può ascoltare la voce di chi, dentro di lui, non ce la fa più.

Il piacere è diventato uno sconosciuto e per sentirsi bene dovrà riscoprirne il valore e l’emozione.

Uscito dall’ospedale Angelo deve decidere se continuare a lasciarsi trascinare dal suo senso di responsabilità o se affiancargli un’energia più giocosa fatta di piccoli appuntamenti con il suo bambino interiore e dell’impegno di prendersi cura anche di sé.

Carla Sale Musio

leggi anche:

POSSESSIONI QUOTIDIANE

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

1 commento

One Response to “TUTTO È ENERGIA”

  1. Carmenon 04 Giu 2018 at 11:35

    Carla, i tuoi articoli sono uno più bello dell’altro. Se dovessi sceglierne uno preferito, sarei in grosse difficoltà 😀

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task