Apr 29 2016

QUELLE VOCI NELLA TESTA…

Published by at 05:43 under Psicologia,Psicoterapia

Coltiviamo la convinzione di essere una persona soltanto e, invece, senza saperlo, gestiamo una personalità in multiproprietà, insieme a numero potenzialmente infinito di sé diversi e ricchi di possibilità espressive.

Il problema è che non ne siamo consapevoli.

Anzi!

Siamo convinti di essere gli unici padroni del nostro corpo e della nostra mente.

E questo crea non pochi inconvenienti.

“Non ho potuto resistere”

“Mi ha preso il matto”

“Ero come posseduto”

“Mi sono sentito divorare dalla rabbia”

I modi di dire riflettono un’estraneità interiore che tutti abbiamo sperimentato in momenti diversi della vita, proprio come se un’energia sconosciuta s’impadronisse della volontà, guidandola verso scelte, comportamenti ed emozioni, in cui poi è difficile riconoscersi, una volta usciti dalla possessione.

Ma quella forza aliena, che improvvisamente occupa la psiche, segnala la presenza di altri proprietari della personalità, i nostri tanti Sé, che esercitano spontaneamente il loro diritto di gestione.

Infatti, fino a quando non ne riconosciamo l’esistenza in noi stessi, è impossibile regolarne l’alternarsi e usufruire produttivamente delle loro risorse.

Finché nella personalità manca un garante della democrazia, nel mondo interiore si attua una pericolosa anarchia, che permette ai Sé più forti di spadroneggiare su quelli meno energici, fino a monopolizzare pensieri e comportamenti, con un golpe che ne instaura la dittatura.

Abbiamo Sé leciti e Sé illeciti, Sé che ci piacciono e Sé che, invece, rifiutiamo, Sé che gestiscono le risorse della psiche e Sé rinnegati che faticano a guadagnarsi uno spazio di autonomia.

La poliforme varietà espressiva delle nostre tante personalità, costituisce una ricchezza che siamo incapaci di utilizzare vantaggiosamente, finché ne ignoriamo l’esistenza e non impariamo a gestirne le qualità in maniera funzionale e mirata.

Quello che succede è che, di solito, ci identifichiamo con un pool di opportunità sperimentate durante l’infanzia e cresciute grazie al rinforzo costante di genitori, insegnanti, amici e parenti.

Sono i Sé leciti: quelli che ci hanno permesso di diventare adulti e di ritagliarci un posto nel mondo.

Grazie a loro abbiamo superato tante difficoltà, imparando a far fronte alle richieste della vita, ma, nel tempo, sono diventati così importanti (e prepotenti) che, oggi, separarcene, anche solo per poco, sembra un’impresa pericolosamente difficile.

In una segreta dell’inconscio, però, stanno rinchiusi i nostri Sé illeciti, quelli che, quando eravamo bambini, hanno incontrato il disprezzo delle nostre figure di riferimento, procurandoci umiliazioni, paura e dolore.

Allora, abbiamo dovuto escluderli dalla gestione della nostra vita e abbiamo imparato a evitarli, fino a nasconderli alla consapevolezza, proiettandone le caratteristiche fuori di noi, su chiunque ne manifesti le qualità, e combattendoli all’esterno come pericolosi nemici.

In questo modo ci priviamo delle loro risorse e limitiamo le opportunità con cui fronteggiare gli eventi.

M

SÉ LECITI E SÉ ILLECITI

M 

Marco ha imparato da bambino che per raggiungere i propri obiettivi occorrono impegno, costanza, dedizione e instancabilità, e, per conquistare la stima dei genitori e degli insegnanti ha eliminato dal suo mondo interiore tutti quei Sé che prediligono l’ozio, la contemplazione, il rilassamento e l’abbandono fiducioso.

In questo modo ha sviluppato un’instancabile capacità di fare le cose, censurando il piacere dell’inattività e della riflessione.

Ma i Sé rinnegati, incarcerati nell’inconscio, attirano magneticamente nella sua vita una processione di persone pigre, indolenti e perditempo, che Marco disprezza apertamente e invidia segretamente, fino a quando non decide di aprirsi anche ai suoi lati meno operosi, capaci di regalargli quei momenti di riposo di cui ha tanto bisogno e che, senza la loro preziosa presenza, non riesce a concedersi.

* * *

Per farsi voler bene, Adriana ha imparato a mostrarsi servizievole e gentile con tutti, ma in un angolo della coscienza ammira le persone che sanno dire di no e rispettare i propri bisogni, invece di sacrificarsi costantemente per gli altri.

In lei il rispetto di se stessa ha ceduto il posto al desiderio di compiacere e, senza nemmeno rendersene conto, finisce per lasciarsi sfruttare dalle persone che le stanno intorno.

Un Sé Gentile la fa da padrone nella sua psiche, costringendo alla gogna i Sé che, invece, potrebbero proteggerla con qualche NO pronunciato al momento opportuno.

* * *

Antonello ha scelto la via della bontà, è sempre dolce, accogliente e pronto ad ascoltare i problemi di tutti.

Quando torna a casa la sera, però, gli sembra spesso di non aver concluso nulla, e invidia le persone che sono capaci di concentrasi su un progetto senza lasciarsi distrarre da nessuno. Vorrebbe essere più egoista, ma la paura di non sentirsi amato, se smette di pensare agli altri e si concentra di più su se stesso, ha intrappolato la sua assertività dentro una camicia di forza fatta di accondiscendenza, annientando in lui la capacità di perseguire i propri obiettivi.

* * * 

Quello che Marco, Adriana e Antonello, devono coltivare è un Io Consapevole, capace di modulare le diverse energie in modo funzionale alle esigenze cui devono far fronte di momento in momento.

Finché siamo bambini, le nostre scelte sono condizionate dall’ambiente in cui viviamo e al quale ci dobbiamo adattare, ma, una volta diventati adulti, possiamo ripercorrere all’indietro la strada della crescita, riconoscendo quei Sé che ci sono serviti per integrarci nella comunità e quelli che, invece, hanno dovuto farsi da parte per permetterci di ottenere l’approvazione del mondo.

Imparare a dare un nome alle tante voci che popolano la nostra interiorità, significa permettere alla consapevolezza di scegliere le energie più funzionali alle circostanze e dirigere l’orchestra delle nostre possibilità, senza identificarci totalmente con nessuno ma valorizzando armonicamente le peculiarità di ogni nostro Sé.

I Sé leciti e i Sé illeciti appartengono a una scissione infantile della psiche, che priva la personalità di molte risorse.

Il benessere e la salute mentale derivano dalla capacità di accogliere tutti gli aspetti della nostra vita emotiva, integrando i Sé illeciti in uno spazio interiore di accoglienza, capace di valorizzarne le peculiarità al momento opportuno e di abbassarne il volume quando invece è necessario ascoltare voci diverse.

Modulare le risorse di ogni Sé in funzione delle circostanze è il traguardo che si raggiunge integrando nella coscienza ogni nostra diversità e legalizzando tutti i Sé, senza confinarli nell’inconscio e senza lasciarli spadroneggiare nella psiche.

Un mondo migliore si conquista eliminando il razzismo alla radice.

Per prima cosa dentro se stessi.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? Leggi il libro

anche in formato Ebook

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task