Apr 22 2012

LA TUA CASA PARLA DI TE…

Published by at 07:22 under Psicologia,Psicoterapia

Per gli animali, la tana è il riparo, il posto dove nascondersi e cercare calore e protezione, lo spazio intimo e propizio alla nascita dei piccoli.

La tana dell’animale uomo è la sua casa, un angolo in cui ritrovare l’intimità, abbandonare le difese e lasciare emergere la parte più vulnerabile di sé.

Per ognuno di noi la casa è lo spazio dove potersi fermare a recuperare le energie spese durante la giornata, il pronto soccorso emotivo quando il corpo e la mente hanno bisogno di cure.

Ogni casa contiene le impronte dei suoi abitanti e svela molte cose della personalità di chi ci vive.

Già nella scelta del luogo in cui è posta, la casa evidenzia l’indole di chi la abita.

Una casa isolata, racconta il bisogno di riservatezza e di solitudine.

Una casa al centro della città, rivela l’estroversione e la facilità nell’avere molti contatti, ma anche la loro rapidità, superficialità e provvisorietà.

Una casa in paese, evidenzia la necessità di protezione e la capacità di condividersi.

Le dimensioni della nostra casa, sono le dimensioni dello spazio che concediamo a noi stessi.

Case piccole, rappresentano spazi “piccoli” riservati a chi ci vive. Possono corrispondere a un bisogno di raccoglimento ma anche a un mettersi troppo da parte.

Case grandi, mostra spazi ampi di attenzione, che chi vi abita concede a se stesso.

Una casa con molti spazi aperti (giardino, terrazze, verande, ecc.), è la casa di chi ha tante aperture sul mondo.

Una casa con poche aperture, è un luogo segreto adatto a chi non ama troppo le relazioni e si concentra soprattutto su di se.

La misura delle finestre, rivela la misura della nostra curiosità nei confronti della vita.

Le porte interne, invece, indicano gli sbarramenti che creiamo tra le diverse parti della nostra personalità.

Troppe porte, denotano una paura di essere totalmente se stessi.

Porte troppo scarse, evidenziano una difficoltà nell’accettare la propria intimità.

Un ambiente unico nel quale vivere (loft, monolocale, ecc.), piace a chi ama mettersi in gioco senza riserve.

I colori che scegliamo sono l’energia di cui abbiamo bisogno per avventurarci nella vita. Infatti, i colori della nostra casa ci infondono il ritmo con cui affronteremo la giornata.

Colori accesi segnalano il bisogno di una grande energia.

Colori tenui parlano nel silenzio della concentrazione.

I mobili raccontano la relazione che abbiamo con il mondo.

Mobili attuali e nuovi, indicano un carattere in via di rinnovamento, pronto a cambiare e curioso degli altri.

Mobili antichi, segnalano l’attenzione e la cura per la famiglia e per la tradizione, raccontano il desiderio di condividersi senza trascurare il passato.

Gli animali sono il simbolo delle nostre parti istintuali, la voce della nostra anima selvaggia e della creatività.

La presenza degli animali nelle case, rivela il rapporto con l’istintività e con la sessualità.

Gli animali sono parte della natura, ci aiutano a ricordare i ritmi che regolano il nostro organismo e le nostre emozioni.

Gli animali possono essere domestici (cani, gatti, criceti, pappagallini, pesci rossi, ecc.) o liberi (passeri, colombi, gechi, lucertole, insetti, ecc.) ma non possono mai essere totalmente assenti dalla tana dell’animale uomo, perché la loro presenza è indispensabile all’ecosistema di cui l’essere umano fa parte e nel quale ha bisogno di vivere.

Nelle case, gli animali sono la spia che indica il contatto con la parte creativa, impulsiva e sensitiva.

Gli animali in gabbia, rivelano che la parte istintiva di chi abita la casa è stata messa in gabbia.

Animali abbandonati nei cortili, alla catena, soli o poco curati, mostrano l’incuria di chi trascura la propria interiorità.

Se gli animali sono del tutto assenti da una casa, gli istinti sono stati banditi.

Le piante parlano del rapporto con la spiritualità e con la natura.

Una casa senza piante è come un paese senza la sua chiesa.

Quando le piante sono rigogliose e belle, l’unione col mistero della vita è accettata e tollerata in se stessi.

Se invece le piante sono abbandonate e sofferenti, segnalano che la parte spirituale è stata trascurata e ha bisogno di cure.

L’ordine di una casa o il suo disordine, mostrano l’ordine e il disordine del nostro mondo interiore.

Gli armadi, infine, sono un simbolo dell’inconscio.

Armadi disordinati, denotano un inconscio disordinato e pieno di confusione.

Armadi troppo ordinati, segnalano il bisogno di imbrigliare l’inconscio in una norma e tradiscono la paura della propria irrazionalità emotiva.

Armadi pieni di oggetti inutili, corrispondono a un inconscio pieno di cose che non servono più.

Troppi armadi, si trovano nelle case di chi cerca di nascondersi a se stesso.

Pochi armadi, appartengono a chi non sopporta le censure di nessun tipo.

La casa è un simbolo di unione, di calore e di protezione, ma l’interno di una casa rappresenta la vita interiore di chi la abita e il modo in cui trattiamo la nostra casa dice tante cose sul modo in cui trattiamo la nostra anima.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

3 Commenti

3 Responses to “LA TUA CASA PARLA DI TE…”

  1. M.Cristinaon 06 Feb 2018 at 11:29

    Favolosa

  2. loredana pabaon 07 Feb 2018 at 22:06

    Prendo per buono il discorso in generale, ma nello specifico occorre dire che oggi avere una casa propria è un lusso. Dunque la casa che abitiamo è quasi sempre una scelta obbligata. Ci piacerebbe in campagna (o in periferia, o al centro …), immersa nel verde, grande, piena di vetrate e grandi finestre ma ne abbiamo trovata una piccola con finestre piccole perchè era l’unica adatta alle nostre finanze. E in questa casa la luce è debole per cui le piante crescono poco e male e neppure si possono colorare i muri perchè il bianco è il colore che illumina maggiormente e allarga gli spazi. Gli animali? Magari non ce li possiamo permettere per divieti condominiali, o perchè lo stile di vita non è compatibile con il loro benessere, oppure sono le nostre finanze che non ce lo permettono (avere animali in casa sono lussi!). Ma certo, se ognuno di noi potesse scegliere come e dove avere la propria casa, essa parlerebbe di noi e ci descriverebbe bene. Dunque la cosa che si può fare è cercare di avvicinare maggiormente la casa che possiamo permetterci con quella che ci sarebbe piaciuto avere (mettendo una piantina dove c’è una luce meno fioca ad esempio o mettendo una cornice colorata, dove non è possibile colorare la parete … e altri stratagemmi ^_^ )

  3. Carla Sale Musioon 08 Feb 2018 at 05:41

    Anche la personalità, il carattere, la corporatura… non possiamo sceglierli. Ci piacerebbe essere meravigliosamente belli, affascinanti, intelligenti e… perfetti! Tuttavia dobbiamo fare i conti con la nostra realtà psichica e “lavorare” per accettare quelle parti di noi che non ci piacciono, fare i conti con il nostro modo di essere che non sempre corrisponde a quello che vorremmo, e imparare a comprendere ciò che siamo… attraversando un percorso di crescita interiore che dura tutta una vita e ci conduce, un passo alla volta, ad accettare la nostra autenticità, a migliorare quello che è perfezionabile e a comprendere i nostri limiti… fino a comporre un disegno unico e speciale, non nella sua perfezione, ma nella sua verità.

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the task